REDDITO DI CITTADINANZA: IN ABRUZZO QUASI 3 MILA DOMANDE PER 54 POSTI DA NAVIGATOR

9 Maggio 2019 06:00

L'AQUILA – Sono 2.735 le domande presentate in Abruzzo dai candidati navigator per il Reddito di cittadinanza.

A comunicarlo è l'Anpal che gestisce la selezione di queste figure che supporteranno i centri per l'impiedo nella fase 2 del Reddito. Per i 3 mila posti disponibili, a livello nazionale, sono state 78.788 le domande di candidatura presentate. L'avviso è scaduto ieri a mezzogiorno.

In Abruzzo sono 54 i posti disponibili per l'incarico che prevede un contratto di collaborazione con scadenza ad aprile 2021, per il quale è previsto un compenso di  27.338,76 euro lordi annui, oltre a 300 euro lordi mensili a titolo di rimborso forfettario delle spese. Compito principale del navigator sarà quello di seguire il disoccupato dalla presa in carico nei Centri per l'Impiego fino all'assunzione.

A guidare la classifica del maggior numero di domande presentate è la provincia di Pescara, con 894 richieste, seguono Chieti, con 689, e L'Aquila con 667, ultima è la provicnia di Teramo, con 485 domande. Secodno questa suddivision,e il numero disposto per ogni provincia è di 15 navigator a Chieti, all'Aquila e Pescara 14 ciascuno, e 11 a Teramo. 

“Un ulteriore importante passaggio sulla strada della piena applicazione del Reddito di Cittadinanza – è il primo commento di Mimmo Parisi, presidente dell’Agenzia Nazionale per le Politiche attive per il Lavoro – è con orgoglio che possiamo presentare oggi un risultato ottenuto con professionalità ed efficienza, in pochi mesi abbiamo dimostrato come attraverso la stretta collaborazione di enti e amministrazioni dello Stato, anche in un’ottica di collaborazione pubblico/privato, si possano cogliere risultati importanti: mi auguro, anche sulla scorta di quanto fatto finora, che entro la fine di giugno i Navigator potranno essere operativi e avviati alla formazione”.





Il Navigator sarà la figura centrale dell’assistenza tecnica fornita ai Centri per l’Impiego, selezionata e formata per supportarne i servizi e per integrarsi nel nuovo contesto caratterizzato dall’introduzione del Reddito di Cittadinanza, per il quale l’obiettivo è assicurare assistenza tecnica ai CPI, valorizzando le politiche attive regionali – anche in una logica di case management – da integrare e da implementare con le metodologie e tecniche innovative che saranno adottate per il reddito di cittadinanza.

A guidare la classifica regionale delle candidature la Campania – con 13.001 candidati – subito davanti la Sicilia (11.886), seguita dal Lazio con 9.304, la Puglia con 9.191 e la Calabria, dove i candidati finali sono 6.977. La città con più candidati è Roma con 7.092, seguita da Napoli (6.812), Palermo con 3.503, Catania dove i candidati sono 2.758 e Salerno, con 2.457.

La prossima tappa sarà la selezione attraverso i Test per sessantamila candidati, che saranno ammessi in base alle graduatorie che saranno realizzate attraverso la votazione conseguita nella laurea.

Nei prossimi giorni saranno fornite ulteriori informazioni sui candidati, con i dati che afferiscono ai corsi di laurea, all’età, al genere e alla diffusione dei dati incrociati sul territorio.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!