REGIONALI: CALENDA, “DA MARSILIO CLIENTELISMO INDEGNO CON 17 MILIONI DI MANCETTE”

5 Marzo 2024 09:45

Regione - Politica

L’AQUILA  – “In questa regione che non trova i fondi per la sanità e le persone devono andare a curarsi fuori e che spende circa 87 milioni di euro l’anno per far curare fuori dalla regione gli abruzzesi, cosa fa Marsilio? Marsilio durante la legge di bilancio dice a tutti i consiglieri: ‘vi potete selezionare fino a 400 mila euro di contributi da dare ad associazioni varie, non su nomi di progetti”.





Lo ha detto Carlo Calenda, segretario di Azione, in un video pubblicato sul suo profilo X (ex Twitter), riferendosi al Presidente uscente della regione Abruzzo, Marco Marsilio. Calenda è stato ieri in Abruzzo, incontrando in un gremito auditorium ance gli elettori al fianco dei candidati Enrico Verini e Roberta Dell’Aguzzo, mentre la mattina è stato a Chieti con Luciano D’Amico abbiamo parlato di industria, di cose concrete per gli abruzzesi.
Non abbiamo mai chiesto il voto perché “altrimenti c’è Marsilio” e mai lo faremo.
Perché se ti riduci a chiedere il voto “perché altrimenti c’è qualcun altro” hai già perso e noi non intendiamo farlo.





“Questa è una cosa che succede e che costa circa 17 milioni su base regionale. A prescindere dal fatto che uno sia di destra o di sinistra, di centro, di sopra o di sotto, come si fa a votare una persona che ha questo livello di clientelismo. Per cui per prendere voti finanzia associazioni, anche se non fanno cose utili, basta che gliele indichino i consiglieri. Così si fa la campagna elettorale. Ma è una roba indegna o no?”

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: