IN MIGLIAIA A VASTO E LANCIANO PER COMIZIO VICE PREMIER E LEADER LEGA. CANDIDATO PRESIDENTE CENTRODESTRA MARSILIO APRE CAMPAGNA ELETTORALE A PESCARA: ''CON LEGNINI LISTE MOLTIPLICATE PER DISPERAZIONE POST D'ALFONSO''

REGIONALI: SALVINI IN ABRUZZO, ”QUESTA TERRA SARA’ LIBERATA IL 10 FEBBRAIO”

20 Gennaio 2019 19:10

VASTO – “Tra qualche settimana vedremo se i cittadini sceglieranno la concretezza della proposta dei nostri candidati alle Regionali in Abruzzo. Sento dall'aria che la Lega governerà e questa terra sarà liberata”. 

Così il ministro Matteo Salvini a Vasto (Chieti), durante l'incontro a sostegno del candidato presidente Marco Marsilio (Fdi), in vista delle regionali del 10 febbraio, in una giornata convulsa per la coalizione di centrodestra, iniziata questa mattina a Pescara, dove il senatore Marsilio ha aperto la campagna elettorale. 

In migliaia hanno accolto il vice premier e leader della Lega prima a Vasto e poi a Lanciano, dove è arrivato nel tardo pomeriggio.

“I cittadini – ha spiegato Salvini – mi chiedono più sanità, più strade, più lavoro e più sicurezza. Con al governo la Lega gli ospedali si aprono e non si chiudono, le strade invece di dimenticarle le sistemiamo, mentre su sicurezza e lavoro stiamo lavorando da sette mesi. Sento che c'è voglia di cambiamento. Sotto l'acqua o sotto la neve l'Abruzzo mi regala grandi emozioni e per tutto questo vedrò di ripagarlo con i fatti”. 

“Partecipo per vincere – ha aggiunto – e penso che il 10 febbraio vinceranno gli abruzzesi, il Pd e la sinistra rimarranno a casa, i 5 Stelle non governeranno niente e quindi toccherà a noi farlo”. 

“Io non voglio essere complice di chi compra armi e droga con i soldi degli scafisti. E sui migranti ho intenzione di andare avanti così. E non cambierò di una virgola, possono anche insultarmi, e possono anche schierare Fazio, Saviano, Baglioni ed Heather Parisi. A me non interessa”, ha detto il ministro dell'Interno a Vasto, commentando un cartellone esposto tra la gente sul quale c'era scritto “Ama il prossimo tuo come te stesso”. 




“A chi espone quel cartello dico è esattamente quello che faccio – ha spiegato – e in Abruzzo il prossimo mio sono prima di tutto gli abruzzesi e gli italiani. Pensa un po' come siamo strani e che gente strana c'è in Lega. E chi il 10 febbraio a Vasto voterà per la Lega dico che darò una casa popolare prima agli italiani. Se c'è un posto di lavoro lo do prima a un italiano, se c'è un bonus bebè lo do prima a un italiano”. 

A Lanciano, il leader della Lega, parlando del fenomeno migratorio ha detto: “Bisogna mettere in galera gli scafisti. Devono avere la certezza che i porti italiani sono chiusi: è l'unico modo per salvare vite umane. L'anno scorso di migranti ne sono arrivati di meno e ne sono morti di meno”.

La giornata, ricca di impegni, è iniziata al Porto Turistico di Pescara, dove Marsilio, di fronte a un'ampia platea, tra simpatizzanti, amministratori e candidati, Marsilio ha indicato le priorità della Regione Abruzzo: “Infrastrutture, sanità, sviluppo economico, turismo sono i temi principali su cui dobbiamo alla svelta metterci a lavoro e su tutti la ricostruzione, bisogna nominare subito il responsabile dell'ufficio speciale che sblocchi quel cantiere ancora fermo”.

Tra gli intervenuti anche il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e i suoi colleghi di Chieti, Umberto Di Primio, di Montesilvano, Francesco Maragno, e di Silvi, Andrea Scordella

A raccontare l’esperienza di un centrodestra che governa e risponde alle aspettative dei cittadini è intervenuto anche il presidente della Provincia dell’Aquila e sindaco di Castel di Sangro, Angelo Caruso, mentre per i partiti della coalizione hanno preso la parola il coordinatore regionale dei giovani di Forza Italia, Alessandro D’Alonzo, il deputato della Lega, Luigi D’Eramo, l’ex assessore regionale Giandonato Morra, dirigente nazionale di Fratelli d’Italia, Angelo Bonanni Caione di Azione Politica e il senatore Gaetano Quagliariello, presidente nazionale del Movimento Idea.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: