REGIONE, BANDI PER 14 DIRIGENTI E 166 DIPENDENTI: LIRIS “GRANDE OPERA DI RINNOVAMENTO”

di Filippo Tronca

28 Dicembre 2020 07:53

Regione: Abruzzo

L’AQUILA – I primi tre bandi di concorso  per la copertura di 14 posti da dirigente a tempo indeterminato già pubblicati e a seguire, in tempi strettissimi, in arrivo altri bandi per assumere 166 dipendenti, di cui 60 per rafforzare i Centri dell’Impiego.

In Regione Abruzzo è entrata nel vivo l’operazione ricambio generazionale e copertura delle posizioni da troppo tempo sguarnite della macchina amministrativa. Promotore è l’assessore regionale al Bilancio e Personale, Guido Quintino Liris, di Fratelli d’Italia, primo firmatario della riforma varata nell’estate 2019 che ha ridisegnato e razionalizzato la tecnostruttura regionale, con i dirigenti ridotti da 94 a 84, gli uffici da 330 a 301,  e con la riorganizzazione gli ambiti di competenza  dei dipartimenti. Ora però il contenitore va riempito di competenze e personale adeguato.

“I concorsi sono fermi da una eternità – spiega ad Abruzzoweb Liris –  ci sono troppi uffici con carenza di personale. Per di più un numero considerevole di dipendenti andrà in pensione a breve o attualmente lavorano a part time.  Una carenza strutturale ereditata dal passato che non ci possiamo più permettere, anche e soprattutto in vista delle grandi sfide che la Regione è chiamata a vincere per far fronte alla drammatica emergenza economica e sociale provocata dal coronavirus”.

Liris assicura che tutti i bandi, già approvati dalle determine del direttore Fabrizio Bernardini, a capo del dipartimento Risorse, saranno pubblicati a stretto giro. Occorrerà attendere in ogni caso i tempi tecnici per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Nella peggiore delle ipotesi non si andrà comunque oltre fine gennaio.

“La macchina regionale potrà avvalersi di dipendenti di livello ‘C’ e ‘D’ e di nuovi dirigenti:  180 professionisti giovani e motivati, con i profili di cui abbiamo assoluto bisogno che andranno in parte a sostituire chi andrà in pensione, in parte a coprire le posizioni attualmente sguarnite. Ma voglio anche sottolineare che questi bandi rappresentano finalmente l’occasione per i dipendenti già in forze nella Regione di fare carriera, progredire verticalmente nella macchina amministrativa, come è loro legittima aspirazione e aspettativa”.

Ad essere stati pubblicati tre bandi di concorso pubblico per esami per la copertura di 14 posti da dirigente a tempo indeterminato. Queste le figure professionali messe a concorso: 2 posti da dirigente informatico; 4 posti da dirigente tecnico; 8 posti da dirigente amministrativo – contabile. La scadenza è prevista per il 5 febbraio 2021.

Come già evidenziato da Abruzzoweb la Regione Abruzzo ha già fatto il pieno di dipendenti pubblici, e dovrà farsi bastare gli attuali 1.400 della giunta, e 110 del consiglio regionale.

La “tagliola” è l’effetto dell’articolo 33 del decreto Crescita approvato ad aprile 2019, che per le regioni a statuto ordinario e i Comuni fissa in base a vari criteri, un “rapporto soglia”, tra spesa per il personale e le entrate correnti. Per la Regione Abruzzo  la soglia è stata fissata all’11,8%. Tenuto conto che le entrate correnti sono di circa 770 milioni di euro l’anno e i dipendenti regionali costano 84 milioni circa l’anno, in base al calcolo del rapporto, corretto con altri parametri, l’Abruzzo è molto vicino al valore soglia dell’11,8%.

Pertanto si potranno rimpiazzare, a conti fatti  circa 110-120 dipendenti che andranno in pensione nel 2020, ovvero nei prossimi giorni e nei primi mesi del 2021.

Il concorso per 14 dirigenti e 166 dipendenti rientrano però nei parametri perché i 60 che saranno assunti nei Centri per l’impiego, vanno sottratti al conteggio, in quanto saranno retribuiti sì dalla Regione Abruzzo, ma con un trasferimento straordinario del Ministero del Welfare.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: