REGIONE: PETTINARI, “CDX TOGLIE UN MLN A PERIFERIE E CASE POPOLARI PER DARLI A EVENTI SPORTIVI”

5 Settembre 2022 14:35

Regione - Consiglio Regionale

PESCARA  – “La delibera  di Giunta  n 444 del 2 agosto, approvata dalla Regione Abruzzo a trazione Fratelli D’Italia, Lega e Forza Italia, scippa di fatto il finanziamento di circa 1 milione di euro destinato alla riqualificazione delle periferie e alla manutenzione delle case popolari, per destinarli a grandi eventi sportivi”.

A sostenerlo è il vicepresidente del Consiglio regionale Domenico Pettinari che sulla questione interviene duramente.

“Mi chiedo come sia possibile, in un momento di grande difficoltà come quello che stiamo vivendo, sottrarre dei fondi a quella parte di popolazione che è più bisognosa e che vive nei quartieri periferici delle nostre città. Questi fondi, che ammontano nel dettaglio a 964.454,23 euro, erano destinati alla manutenzione della case popolari, al decoro urbano delle periferie e alla sicurezza. Potevano essere utilizzati in tutte le quattro province abruzzesi ma ora, a causa delle scellerate decisioni del centrodestra non ci sono più per nessuno e sono spariti in non ben definiti eventi sportivi”.

“I più maliziosi potrebbero pensare che in un momento di campagna elettorale realizzare grandi eventi porti più consenso che intervenire in quei quartieri invisibili e che non sono vetrine delle nostre città. Ma comunque, qualunque sia il motivo che ha spinto la Regione di Marsilio a mettere in atto questa scelta, siamo davanti a un’azione che ancora una volta dimostra il distacco totale dalla realtà e la propaganda di chi si riempie la bocca con la lotta al degrado nelle periferie ma poi nei fatti sottrae i soldi destinati allo scopo. Noi continueremo a batterci affinché in ogni angolo della città sia riconosciuto il diritto di vivere in ambienti sicuri, puliti e liberi dalla criminalità e non ci gireremo mai dall’altra parte. Ora Marsilio & Co trovino immediatamente i fondi per risanare quella voce di bilancio”, conclude.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: