RESTART APP: TRE GIOVANI ABRUZZESI TRA I PARTECIPANTI AL CAMPUS PER ASPIRANTI IMPRENDITORI APPENNINO

2 Ottobre 2020 12:08

FABRIANO – Ci sono anche 3 giovani abruzzesi tra i 14 partecipanti all’edizione 2020 di ReStartApp, il Campus residenziale di incubazione e accelerazione per giovani imprenditori in Appennino, promosso e realizzato da Fondazione Edoardo Garrone (www.fondazionegarrone.it) in collaborazione con Fondazione Aristide Merloni (www.fondazione-merloni.it), in corso di svolgimento a Fabriano (Ancona).

Con il progetto APPennini for all, Mirko Cipollone – 38 anni, da Avezzano (L’Aquila) – si propone di offrire possibilità di turismo verde accessibile ai disabili, sia a livello locale che nazionale, grazie all’avvio di un tour operator per la creazione di pacchetti tagliati su misura delle esigenze degli utenti.

Il marchio Appennini for all identificherà e renderà riconoscibili strutture, comunità, percorsi e guide che aderiranno alla rete.

Il progetto intende quindi diffondere il concetto di accessibilità, non limitandosi ad offrire un servizio per le persone con disabilità ma creando opportunità per tutti gli attori collegati, diventando così un fattore inclusivo e non esclusivo.

Regrowth è una start up innovativa sviluppata da Pierfrancesco Di Giuseppe, 31 anni da Teramo, imprenditore agricolo e studente di ingegneria ambientale, insieme al suo socio Michael Odintsov, israeliano, dottorando in veterinaria.

Regrowth si prefigge l’obiettivo di favorire un’agricoltura decentralizzata, ad alto rendimento e a basso impatto ambientale, sviluppando software basati su sensori ambientali allo scopo di monitorare l’attività del bestiame e verificarne lo stato di salute.

Si tratta di favorire l’introduzione dell’Agricoltura 4.0 (agricoltura di precisione) nel settore delle piccole imprese agricole dedite all’allevamento, permettendo così l’intensificazione sostenibile della produzione propria, l’ottimizzazione dei costi e un miglioramento del benessere animale.

Attualmente la soluzione è in fase di prototipazione: i soci hanno già presentato domanda di brevetto e stanno sperimentando il prototipo.

Ermes Suffer, 30 anni di Colledara (Teramo), vuole invece creare un centro didattico agroforestale nell’area del Gran Sasso, in cui sviluppare una serie di attività multidisciplinari interconnesse, accumunate dal tema dell’ambiente.

Il ripristino del vivaio agroforestale rappresenta l’attività cardine dell’impresa.




L’obiettivo è creare un sistema di produzione che vada da semi per il rifornimento di materiale vivaistico di alta qualità alla realizzazione di impianti agroforestali completi.

In concomitanza verrà realizzato un ampio progetto turistico, attraverso la realizzazione di un Parco avventura esplorativo all’interno del perimetro del vivaio forestale, realizzabile grazie alla presenza di numerosi alberi secolari di sequoia.

A supporto dell’attività vivaistica, sarà sviluppato un progetto di apicoltura di montagna e sulla coltivazione di erbe aromatiche e officinali, finalizzati alla produzione di tisane, oli essenziali, miele e derivati. Il progetto prevede inoltre lo sviluppo di percorsi di educazione ambientale con percorsi didattici e formativi sulla vivaistica, la botanica, l’erboristeria, l’apicoltura.

Per realizzare le proprie idee di impresa, i tre giovani stanno prendendo parte all’intenso programma formativo di ReStartApp, che per 10 settimane – dal 14 settembre al 26 novembre, con una pausa dal 17 al 25 ottobre – li vedranno coinvolti in didattica frontale, laboratorio di creazione d’impresa, esperienze, testimonianze, casi di successo e un viaggio-studio. Un team qualificato di docenti, esperti e professionisti dei principali settori dell’economia della montagna, li affiancheranno nell’approfondimento e nello sviluppo del progetto.

Per agevolare la realizzazione dei tre migliori progetti, Fondazione Edoardo Garrone metterà a disposizione premi per un valore complessivo di 60.000 euro.

Ai progetti ritenuti particolarmente meritevoli sarà infine dedicato un tutoraggio gratuito post Campus in settori centrali per l’avvio delle imprese.

ReStartApp 2020 è ideato e promosso da Fondazione Edoardo Garrone in collaborazione con Fondazione Aristide Merloni.

A validare la formula una rete crescente di partner quali Fondazione Symbola, Legambiente, UNCEM, Alleanza Mobilità Dolce, Club Alpino Italiano (CAI), Fondazione CIMA, Banca popolare Etica, Open Fiber, Tiscali, Federbim, Federforeste e PEFC Italia.

Impegnata dal 2014 in un’opera di rivitalizzazione della montagna, rafforzando le capacità imprenditoriali e progettuali dei giovani, Fondazione Edoardo Garrone ha affiancato con 8 Campus oltre 110 aspiranti imprenditori della montagna e hanno contribuito all’effettivo avvio di circa 40 imprese dall’Appennino alle Alpi.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: