RICOSTRUZIONE: PEZZOPANE: ‘TERREMOTO 2009 CANCELLATO DA AGENDA POLITICA’

3 Dicembre 2018 14:44

L'AQUILA – La Deputata Dem Stefania Pezzopane ha partecipato questa mattina al vertice convocato dal presidente vicario della Regione Abruzzo Giovanni Lolli all’Aquila per affrontare le gravi conseguenze del blocco totale della ricostruzione nel cratere sisma 2009.

“Ora basta davvero – si legge in una nota -. Mai si era determinato un blocco amministrativo della ricostruzione, mai avevamo dovuto aspettare 6 mesi per la nomina di un sottosegretario, mai eravamo rimasti senza entrambi i direttori degli uffici Usra e Usrc”.






“Imprese disperate, professionisti senza parcelle, sal bloccati. Li avevo avvertiti, da giugno che li ho avvisati che se non facevano gli atti necessari, sarebbe accaduto tutto ciò – aggiunge Pezzopane -. Ma un misto di incompetenza e di arroganza alla 'ghe penso mi’' ha creato questa mistura infernale i cui unici responsabili sono al governo del paese. Serve una mobilitazione con i colori neroverdi, senza tatticismi nocivi alla nostra comunità.Non si può più aspettare, la ricostruzione è bloccata, ed è ferma totalmente la parte amministrativa. Nessun pagamento, nessun progetto, niente firme”. 

“Sei mesi per nominare un sottosegretario che ancora non si fa ne’ vedere ne' sentire, ancora non si nominano i direttori degli uffici, e intanto nella legge di bilancio ancora non si sblocca nulla per il cratere 2009. Buttati fuori  dall’agenda politica da questo governo. Bene la nuova riconvocazione annunciata dal presidente Lolli per il 10 e bene la richiesta fatta al sottosegretario Crimi di partecipare al vertice. Importante l’azione dei sindaci che convocheranno le loro comunità per informarli della gravità della situazione. E categorie e sindacati tutti uniti per una mobilità contro questa vergognosa inerzia e per far ripartire subito la ricostruzione bloccata vergognosamente”. 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!