RICOSTRUZIONE: RIECCO PALAZZO VISCONTI, SPLENDORE AQUILANO

25 Ottobre 2014 15:25

L’AQUILA – Torna a risplendere Palazzo Visconti, in piazza Santa Maria di Roio, una delle perle del centro storico dell’Aquila che oggi si è mostrato curato e rinnovatoal pubblico in un grande evento della Unirest s.r.l., la società di costruzioni che ha rimesso in piedi la splendida struttura ottocentesca. 

Tanta gente ha affollato così il Palazzo ottocentesco, per cui sono stati spesi circa 5 milioni di euro di lavori che lo hanno reso sicuro, tanto che è già abitato. 

Tra l’altro, sono tornati all’antico splendore i capolavori ‘custoditi’ dal Palazzo, vedi i dipinti di un allievo del Patini, il Patrignani, o i decori del Maddalena. 

Non solo. A far restare a bocca aperta gli ‘ammiratori’ presenti all’evento, anche un pavimento in legno intarsi e i pavimenti alla veneziana realizzati con con tessere di pietre e marmi pregiati provenienti da antiche cave del territorio aquilano.

Le attività di ristrutturazione, a seguito del progetto redatto dallo Studio associato di ingegneria e architettura Sta Paoloni – Scoccia – Laurini, sono iniziate nell’ottobre del 2012 e completate, come previsto, nello stesso mese del 2014.




Proprio l’imprenditore Francesco Laurini ha spiegato con orgoglio quanto sia stato importante intervenire su un Palazzo che aveva subito gravi danni per il sisma del 6 aprile 2009.

“L’edificio adesso è sicuro, siamo oltre il 60 per cento di antisismicità, prima si era al 20 per cento. Tutto il Palazzo è fruibile, intorno la situazione è accettabile, si stanno rimettendo i piedi anche altri palazzi intorno a Palazzo Visconti. È un processo lento ma inesorabile, è un segno di amore nei confronti di questa città”.

Nel corso della inaugurazione, è stato proiettato un video in cui è stata riassunta la storia, per fotografie ed immagini, di Palazzo Visconti. 

 

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©



ARTICOLI PER APPROFONDIRE:


    Ti potrebbe interessare:

    Gli articoli più letti in queste ore:

    Do NOT follow this link or you will be banned from the site!