”RIFIUTI ZERO”: IL 9 MARZO INCONTRO A PALAZZETTO DEI NOBILI

3 Marzo 2015 18:51

L'AQUILA – “Il 9 marzo alle 17:30 ci incontriamo al Palazzetto dei Nobili, nel cuore della città, per parlare dei nostri rifiuti: ne produciamo troppi e non li gestiamo bene. Anche per il 2013, infatti, siamo fermi al 26% di raccolta differenziata, a dispetto degli elevati costi del servizio e del contributo richiesto ai cittadini”.

Dopo l’incontro, nell' ottobre scorso con il portavoce della strategia Rifiuti Zero, Rossano Ercolini, cittadini e le associazioni aquilane riuniti nel gruppo “Insieme verso Rifiuti Zero” vogliono ora confrontarsi con la città per discutere di idee e di progetti da mettere in atto con l'intento di stimolare una gestione intelligente dei rifiuti nel territorio.

“Anche nella nostra città si stanno avviando e consolidando, infatti, esperienze virtuose per la riduzione degli scarti o per il loro riuso e sta maturando sempre più la consapevolezza tra i cittadini di dover essere parte attiva nella loro gestione – si legge in tal senso in una nota del gruppo  – Pensiamo a chi pratica l’autocompostaggio da solo o in comunità, alle scuole dove si insegna a differenziare e a non sprecare, alle associazioni che promuovono l’uso efficiente delle risorse, agli artigiani del riciclo, a chi fa del riuso e della condivisione dei beni uno strumento di risparmio e di solidarietà”.






“Pensiamo – aggiunge inoltre le note – anche a tutti coloro che non sanno come disfarsi degli ingombranti o dei piccoli apparecchi elettrici, a chi differenzia scrupolosamente e vorrebbe veder riconosciuto il proprio impegno, a chi ha capito che è indispensabile il comportamento responsabile di tutti per evitare che i nostri rifiuti vengano bruciati negli inceneritori e nei cementifici”.

L'invito è dunque quello di discuterne insieme, magari avviando “azioni comuni per l’attuazione di una strategia di gestione dei rifiuti a salvaguardia della salute, dell’ambiente e dell’occupazione”.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: