RIFORMA CONSORZI BONIFICA: IMPRUDENTE, ”BASTA CON I CARROZZONI POLITICI”

9 Novembre 2019 17:36

L'AQUILA – “Noi saremo sempre con i cittadini e gli agricoltori stufi dei carrozzoni politici”.

Lo dichiara l'assessore all'Agricoltura e vice presidente della giunta regionale, Emanuele Imprudente, alla luce delle polemiche del centrosinistra e dell'Udc con Marianna Scoccia, sul progetto di legge di riforma dei Consorzi di Bonifica regionali.






“Spiace rilevare – dice Imprudente – che quando si toccano gli interessi di qualcuno questi, all'improvviso, diventino gli interessi di tutti e il bene della collettività e dei territori. Il nostro progetto di legge intende eliminare gli sprechi e le inefficienze che si producono nei Consorzi di Bonifica, a causa soprattutto di normative datate e non al passo coi tempi. Ridurremo i componenti della governance e fisseremo i costi massimi degli amministratori con un risparmio minimo su base regionale del 40%”.

“È una legge che genera  risparmi ed economicità al fine di ridurre la pressione dei contribuenti agricoltori che rischia di essere aumentata come accade a Pratola con le assunzioni che si stanno facendo in questi mesi – incalza Imprudente -. La nostra riforma, inoltre, affiderà ai Consorzi funzioni di vicinanza al territorio, soprattutto in materia di dissesto idrogeologico e di primo intervento in caso di necessità. Evidentemente l'Udc con il consigliere Scoccia  era troppo impegnato a produrre tonnellate di carta di emendamenti ostruzionistici per leggere il progetto di legge a fondo. Non si saranno accorti, evidentemente, che nelle audizioni i sindacati di categoria e le organizzazioni professionali agricole, ovvero chi rappresenta il mondo agricolo e vive quotidianamente sulla propria pelle i disagi di un settore inefficiente, hanno espresso un parere favorevole alla legge. Il potere e il Palazzo vogliono che nulla cambi,  noi siamo con i cittadini e  con gli agricoltori che si sono stufati dei carrozzoni politici

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!