RIFUGIO POMILIO: PAOLUCCI E BLASIOLI, “FINALMENTE INTERVENTI SULLA STRADA DI ACCESSO”

12 Agosto 2022 19:46

- Cronaca

CHIETI – “Questa mattina ci siamo recati presso il Rifugio Bruno Pomilio per verificare la messa in sicurezza della strada provinciale 614 – La Maielletta, con particolare riferimento agli ultimi tre chilometri che conducono alla nota struttura ricettiva di Rapino. Abbiamo rilevato il rifacimento del manto stradale e l’installazione di moderni guardrail a tripla onda. Interventi, da noi sollecitati poco più di un anno fa mediante un’interpellanza rivolta alla Regione Abruzzo e realizzati in tempi rapidi dalla Provincia di Chieti, che dovrebbero garantire un concreto ridimensionamento del periodo di interdizione al traffico veicolare nel corso della stagione invernale”.

Lo dichiarano i consiglieri Regionali  del Pd Antonio Blasioli e Silvio Paolucci.

“Turisti e avventori hanno accolto con estrema soddisfazione la riqualificazione, d’altronde l’asse viario ricopre un’importanza strategica sostanziale. Dal Rifugio Pomilio, punto di riferimento per gli appassionati che intendono raggiungere il Blockhaus e la zona sommitale della Maiella, si snodano infatti alcuni dei più suggestivi itinerari escursionistici e ciclabili d’Abruzzo, accessibili anche alle persone con disabilità, e dunque sinonimo di turismo inclusivo e sostenibile”, si legge nella nota.

“Un lavoro atteso da tempo, frutto dell’impegno del centrosinistra e della sinergia con il presidente provinciale Francesco Menna, al quale vanno i nostri ringraziamenti. Continueremo ad approfondire la vicenda allo scopo di ragionare sulla fattibilità di ulteriori interventi che possano scongiurare del tutto la chiusura invernale della strada, rendendola fruibile anche in condizioni meteo avverse, e presenteremo una specifica interpellanza per appurare il numero delle antenne in funzione e sondare la possibilità di accorparle in unico impianto ai fini di un minimo impatto ambientale”, conclude la nota. .

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: