RIGOPIANO, GIUDICE: “CONDOTTA PREFETTO NON RILEVANTE PER SVILUPPI”

22 Maggio 2023 15:29

Pescara - Cronaca

PESCARA – “Appare evidente come in alcun modo la condotta tenuta dagli imputati Provolo Francesco, De Cesaris Ida e Bianco Leonardo possa assumere rilevanza nello sviluppo causale degli eventi che hanno portato ai decessi ed alle lesioni subite dalle persone presenti nell’hotel Rigopiano al momento dell’impatto sulla struttura della valanga del 18.1.17, di tal ché nei riguardi degli stessi non può che essere emessa una sentenza assolutoria per non aver commesso il fatto”.

È uno dei passaggi delle motivazioni della sentenza nell’ambito del processo sulla tragedia dell’Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara).





Il riferimento è all’allora Prefetto di Pescara, Francesco Provolo, assolto, insieme a due funzionari, da tutti i reati, tra cui quelli di omicidio colposo plurimo e di lesioni colpose plurime, nella sentenza pronunciata lo scorso 22 febbraio dal gup del Tribunale di Pescara Gianluca Sarandrea. Le motivazioni, contenute in 274 pagine, sono state depositate questa mattina.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: