Rocky Marciano

29 Novembre 2006 12:02


Rocky Marciano nasce a Brockton (Massachusetts) nel 1923 da emigrati italiani. Il suo vero nome è Rocco Francis Marchegiano e le sue origini si possono rintracciare a Ripa Teatina. Gli anni della sua prima giovinezza sono segnati dal lavoro, con cui contribuisce al sostentamento della famiglia, e dalla passione per lo sport, soprattutto per il baseball. Chiamato sotto le armi, ha modo di avvicinarsi al pugilato, anche se non abbandona ancora la prospettiva di affermarsi nel baseball. La sua carriera da dilettante non è lunga né particolarmente brillante. Si intravedono, però, già le sue doti di generoso combattente. Durante questa prima fase della carriera pugilistica, il giovane Rocky acquista una consapevolezza che non lo abbandonerà più: l’importanza fondamentale di una seria preparazione atletica. Seguito dall’amico Allie Colombo, Rocky si impegna così in una spietata opera di rafforzamento delle proprie capacità fisiche, mostrando, però, un grezzo bagaglio tecnico.



 Nel 1947 esordisce da professionista con una vittoria per K.O. La carriera di Rocky prosegue sotto la gestione del manager Al Weill e con gli insegnamenti dell’allenatore Charlie Goldman, un autentico veterano del ring. Con intelligenza, Goldman si sforza di affinare e potenziare le qualità naturali di Rocky, cercando di minimizzarne i difetti, senza cercare di ricavare da quella “materia prima” un modello astratto di pugile. Rocky impara così una tattica e uno stile di combattimento che gli consente di sfruttare al massimo la propria potenza e di ridurre le difficoltà derivanti dal suo scarso allungo.



Rocky affronta e vince diversi pugili coriacei, tra i quali Roland La Starza, Gino Buonvino e Lee Savold, prima di avere la possibilità di combattere per il titolo mondiale. Il campione in carica è Jersey Joe Walcott che, nel 1952, dà vita con Rocky a un intenso incontro. Rocky vince per KO alla tredicesima ripresa. Seguono diverse difese del titolo. Rocky affronta per due volte Ezzard Charles in due incontri rimasti nella storia della boxe. Manda successivamente al tappeto il britannico Don Cockell e, infine, sconfigge per K.O. alla nona ripresa il leggendario Archie Moore. Questo sarà l’ultimo incontro di Marciano, che nel 1956 annuncia il ritiro. Rocky si ritira imbattuto, con un record di 49 vittorie, 43 delle quali prima del limite. Dimostrando di possedere doti di saggezza e di equilibrio, oltre a una mascella di granito, Marciano non ritornerà più sulla sua decisione. Muore nel 1969 in un incidente aereo.




Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: