SAMBUCETO: MADRE E FIGLIO TENTANO ACQUISTO CON BUSTA PAGA FALSA, DENUNCIATI

19 Marzo 2021 15:28

CHIETI – Hanno provato ad acquistare merce per un valore commerciale di seimila euro utilizzando, a garanzia del pagamento dilazionato, una busta paga rivelatasi falsa. Mamma e figlio, 61 e 37 anni di Pescara, sono stati denunciati dai Carabinieri alla Procura della Repubblica di Chieti per falsità in scrittura privata e tentata truffa in concorso.

Si sono presentati in un centro commerciale di Sambuceto per effettuare un ordine di articoli per la casa ed il fai da te dell’importo di circa 6.000 euro.

Dopo aver opzionato la merce che avrebbero voluto acquistare, hanno richiesto di dilazionare il pagamento con un finanziamento per tutta la cifra e, per garantirlo, hanno presentato la busta paga della donna.

Nel documento risultava lavorare come magazziniera in un supermercato del pescarese da ben 10 anni, ma l’impiegata addetta alla pratica deve essersi insospettita e così ha telefonato ai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Chieti.

Arrivando, i militari in borghese prima hanno osservano il comportamento dei due e con la busta paga in mano hanno contattato la sede centrale del supermercato: alla direttrice il nominativo della donna non risultava fra i dipendenti, e ciò per gli investigatori ha confermato la falsità del documento. Quando i Carabinieri si sono qualificati, i due non hanno reagito ed hanno ammesso anche di avere precedenti specifici: sono stati quindi denunciati.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

    Ti potrebbe interessare: