SANITA’: IL 37% DEI MEDICI PRONTO A LASCIARE IL SSN

16 Novembre 2022 15:49

Italia - Cronaca

ROMA – Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare con una cooperativa.

È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Cimo-Fesmed (Federazione sindacale medici dirigenti) ad un campione di 1000 medici: di questi, il 37,6% ha dichiarato di essere pronto a dimettersi da dipendente del Servizio sanitario nazionale per lavorare a gettone.





Le percentuali risultano maggiori tra i camici bianchi più giovani (è disposto a lavorare per le coop il 50% di chi ha meno di 35 anni ed il 45% dei dottori tra i 36 ed i 45 anni) e comprensibilmente si riducono (al 28%) tra i medici più anziani, over 55, più vicini alla pensione.

I più desiderosi di fuggire verso le cooperative sono i medici che lavorano nell’area dei servizi (che rappresentano il 46% di coloro che dichiarano di voler lavorare a gettone), seguiti da chi lavora in emergenza (42%), dai chirurghi (40%) e, infine, dall’area medica (32%).





“Il quadro emerso dal sondaggio non può non destare preoccupazione – commenta Guido Quici, presidente della Federazione Cimo-Fesmed che riunisce le sigle Anpo-Ascoti, Cimo, Cimop e Fesmed – È la rappresentazione plastica del disagio dei medici dipendenti del Servizio sanitario nazionale che iniziano a vedere nelle coop l’unica ancora di salvezza per uscire da un sistema e da un’organizzazione del lavoro ormai insopportabili. Ma se queste percentuali dovessero trasformarsi in dimissioni reali, ci ritroveremmo dinanzi al tramonto definitivo del Servizio sanitario nazionale, svuotato di molte delle sue professionalità e affidato in buona parte a società private che nessuno regola né controlla”.

Numerose le criticità relative alle cooperative che Cimo-Fesmed denuncia da tempo: l’assenza di trasparenza in merito al percorso formativo dei medici proposti, l’impossibilità di controllare il rispetto della normativa sull’orario di lavoro ed il riposo obbligatorio tra un turno e l’altro; l’ingiustizia di far guadagnare a chi lavora a gettone anche il triplo di quello che guadagna un dipendente nel corso del medesimo turno di servizio, avendo inoltre un carico di responsabilità inferiore.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare: