SCLEROSI MULTIPLA: PER DUE PERSONE SU TRE DIFFICOLTA’ E PAURE SUL LAVORO

1 Giugno 2020 20:50

ROMA – Due persone con sclerosi multipla su 3 hanno avuto difficoltà e paure sul lavoro, un lavoratore dipendente su 5 e 2 lavoratori autonomi su 3 hanno subito un forte impatto economico. 

Solo una persona su 3 ha avuto accesso allo smart working e il 42% ha avuto difficoltà con le procedure medico legali da cui dipendono le tutele in ambito lavorativo. 

Sono alcuni dei dati del Dossier sclerosi multipla e Covid-19, l'anteprima del Barometro della sclerosi multipla 2020, che verranno presentati e discussi nel corso di webcast promossi da Aism, Associazione italiana sclerosi multipla. 

Uno degli appuntamenti della Settimana di informazione sulla sclerosi multipla, partita oggi è che durerà fino al 7 giugno prossimo.

Passando dal lavoro alla salute, vivere l'emergenza COVID-19, per le persone con sclerosi multipla è stato come “trattenere il respiro”: se la pandemia ha determinato un generale stop alla normalità, per chi ha questa patologia ha significato isolamento, sospensione o rinvio delle prestazioni sanitarie, rinuncia alle cure, congelamento della riabilitazione. 

E' ben il 60% che ha segnalato difficoltà nelle cure e assistenza. 

Il 15% invece segnala di aver dovuto sostenere costi extra per fronteggiare la carenza di cure legate all'emergenza, percentuale che raggiunge il 22% nelle forme più gravi di malattia, con una spesa media per fare fronte alla carenza di cura fino a 1.600 euro nei casa di disabilità grave.

Diversi i webinar con i ricercatori organizzati dall'Aism, anche sulla ricerca. 

Sarà visibile online, ad esempio, il Dossier sclerosi multipla e ricerca, in cui gli studiosi illustreranno i progressi dei loro studi. 

Per la parte dedicata a salute e diritti si terranno invece 2 webinar dedicati: mercoledì il 3 giugno alle 11,30 sul tema salute e venerdì 5 giugno sul tema lavoro e inclusione sociale.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: