SCOMPARSA BARBARA ZAMPELLI, OGGI I FUNERALI. LUTTO CITTADINO A POGGIO PICENZE

21 Maggio 2021 12:10

L'Aquila: Cronaca

POGGIO PICENZE – Poggio Picenze dà l’ultimo saluto a Barbara Zampelli, morta a soli 44 anni a causa di una malattia.

Oggi il funerale alle 17 nella chiesa di Poggio, dove è stato proclamato il lutto cittadino.

Zampelli, commercialista e revisore contabile, candidata sindaco a Poggio Picenze (L’Aquila) alle elezioni amministrative dello scorso anno, con la lista civica “Il paese che rivogliamo”, era molto conosciuta e stimata nell’Aquilano.

Tutta la comunità si stringe intorno alla famiglia. Lascia un bambino, Valerio, il marito Roberto, i genitori e il fratello.

Tanti i messaggi di cordoglio arrivati in queste ore.

Il sindaco Antonello Gialloreto, l’amministrazione, i dipendenti e i collaboratori comunali, “si uniscono all’immenso dolore della famiglia Zampelli per la scomparsa della consigliera Barbara. Al marito, al figlio, ai genitori e al fratello giungano le più sentite condoglianze”.

“La notizia della scomparsa di Barbara Zampelli mi ha addolorato profondamente. Lo scorso mese di settembre la incontrai in campagna elettorale quando decise di candidarsi a sindaco di Poggio Picenze scoprendo il suo amore per il territorio e la forte volontà di mettersi a disposizione dei suoi concittadini. Esprimo ai suoi familiari il cordoglio personale e quello dell’intera giunta regionale”, le parole del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

“Con dolore ho appreso della prematura scomparsa di Barbara Zampelli. Apprezzata professionista e impegnata nell’amministrazione della cosa pubblica, animata da una profonda passione per la politica a servizio del cittadino. La comunità aquilana si stringe a quella di Poggio Picenze in questo momento di  tristezza e cordoglio. Al marito Roberto, al piccolo Valerio e ai familiari di Barbara giungano sinceri sentimenti di vicinanza e le condoglianze della municipalità aquilana”, il messaggio di cordoglio del sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: