SEGRE: MOZIONE A CHIETI PER CITTADINANZA ONORARIA, ‘INVITO A LETTURA STORIA SENZA COLORI’

14 Novembre 2019 12:52

CHIETI – Arriva una mozione in Consiglio comunale di Chieti per conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre. 

A presentarla è la consigliera della lista civica 'Identità teatina' Nicoletta Di Biase, vice presidente del Consiglio comunale; il documento è stato sottoscritto anche dai consiglieri Nicola Rapposelli, Stefania Donatelli, Mario Troiano e Donato Tacconelli, che fanno parte della maggioranza di centrodestra. 

La mozione, che dovrà essere inserita all'ordine del giorno del prossimo Consiglio, “vuole essere un invito a un'attenta lettura della storia, senza distinzione di colore e, soprattutto, alla tolleranza e al rispetto della democrazia”. 






“Il motivo di chiedere di concedere la cittadinanza onoraria alla senatrice Segre – spiega Di Biase – è segno di riconoscimento del valore universale della lotta contro ogni forma di violenza e discriminazione, oltre all'alto valore morale e civile del suo impegno, quello collettivo della sua storia personale ed etico della sua testimonianza”.

“Siamo coscienti di essere tra i molti Comuni che si impegnano a concedere tale riconoscimento. Ma per noi ha un doppio valore. Il primo è raccogliere la sfida affinché questo gesto diventi simbolo della presa di coscienza per noi tutti e per le generazioni future, di come la 'banalità del male', che si insinua e si impadronisce della mente dell'uomo, possa riemergere se non tramandata e combattuta”.

“Inoltre, riteniamo che la Città di Chieti – conclude Di Biase – insignita della medaglia al merito civile e proclamata Città aperta, non possa non essere luogo di accoglienza per chi, con gesto di puro amore, è memoria vivente di uno dei mali più atroci del secolo scorso. Augurandoci di poter ricevere personalmente la senatrice, siamo certi che l'intero Consiglio comunale saprà farsi garante e fautore di tale richiesta”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: