SICUREZZA SISMICA: IL PENTASTELLATO DI NICOLA, ”O UN MILIARDO PER LE SCUOLE, O LA FINANZIARIA NON LA VOTO”

17 Novembre 2019 08:11

L'AQUILA – “Se non ci sarà un miliardo per scuole a rischio sismico, la legge di bilancio non la voto!”.

Il perentorio aut aut arriva dal senatore abruzzese del Movimento 5 stelle, Primo Di Nicola, in un frangente già delicatissimo per il governo Conte bis, alle prese con le emergenze ex-Ilva e acqua alta a Venezia, in una tormentata convivenza in maggioranza tra Pd e pentastellati.

Di Nicola, a seguito della sconfitta elettorale delle Europee, ha assunto dentro al suo partiito una posizione critica. In una lettera aperta di inizio novembre, è tornato ad invocare un cambio di passo programmatico e organizzativo, rispetto a a quello cadenzato da chi si accontenta di “assicurarsi qualche seggio alla Camera  al Senato, mentre fuori la casa brucia”, e di “blindare una ristretta, e ininfluente nomenklatura”. Arrivando ad ipotizzare, in ossequio all'anima ambientalista del M5s, di “biodegradarci definitivamente, e scioglierci in qualcosa di più grande”. 

L'ultimatum del pentastellato di ieri è senz'altro per una buona causa, e di segno ben diverso rispetto al tradizionale “mercato delle vacche”, che si scatena prima di ogni manovra finanziaria, al fine di drenare risorse, nei casi meno commendevoli, a beneficio di questo o quel feudo elettorale, lobby, camarilla clientelare.

“Ho presentato un emendamento per 1 miliardo per interventi urgenti per la messa in sicurezza delle scuole a rischio sismico in zone 1 e 2  – scrive Di Nicola -. Al quale vedrò di appoggiare, se è il caso, una misura legislativa per un soggetto unico che dovrà gestire immediatamente questi interventi. Ho detto che stavolta la materia non è trattabile”.

“Ho annunciato – avverte Di Nicola – che se non trovo questi soldi nella manovra non voterò la legge di bilancio. Lo farò per rispettare le promesse fatte in campagna elettorale. E per prevenire tragedie come quelle di San Giuliano di Puglia. Il terremoto non avverte mai quando arriva, abbiamo già perso troppo tempo”. (f.t.)

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: