SINDACATI: ISCOT ITALIA SPA, RINNOVATO PER TRE ANNI APPALTO MDR NELLO STABILIMENTO STELLANTIS ATESSA

19 Maggio 2024 09:44

Chieti - Lavoro

ATESSA – Nella giornata di venerdì 17 maggio, presso la sede Confindustria di Mozzagrogna (Chieti), si è tenuto l’incontro sindacale, richiesto da Usb, tra le organizzazioni sindacali e la ISCOT Italia S.p.A. che gestisce appalti all’interno dello stabilimento Stellantis di Atessa (Chieti).

L’azienda – si legge in una nota di Usb Lavoro Privato Chieti/Pescara ed Rsa Usb Iscot – ha continuato a gestirne uno, con proroghe mensili, per quasi un anno tanto che a novembre 2023 aveva aperto una procedura di licenziamento collettivo per oltre 40 dipendenti tra diretti e somministrati, poi ritirata a seguito di un esame congiunto tra azienda e Organizzazioni Sindacali.

LA NOTA COMPLETA





L’incontro è iniziato con la buona notizia del nuovo affidamento dell’appalto MDR per altri 3 anni da parte di Stellantis. Questo permette di avere una ragionevole tranquillità ai lavoratori ma permangono le situazioni di precarietà visto che recentemente è stata rinnovata, fino a dicembre, il ricorso agli ammortizzatori sociali di solidarietà per i 60 esuberi che ISCOT lamenta a causa dei tagli apportati negli ultimi anni da Stellantis sulle pulizie.

La situazione non è semplice e abbiamo chiesto un impegno particolare all’azienda sulla sicurezza e sulla fornitura di attrezzature, nuovi muletti per la movimentazione e nuove batterie per quelli in dotazione attualmente, ricevendo rassicurazioni per l’acquisto di 7 carrelli, nuove batterie e controlli maggiori, in particolare sulla fornitura di DPI.

L’USB e le altre OOSS hanno chiesto anche i dati sull’utilizzo della cassa integrazione per monitorarne il corretto utilizzo da parte dell’azienda che si è impegnata a fornirli a breve. Come USB abbiamo insistito molto anche sulle condizioni microclimatiche in cui lavorano i dipendenti, cosa che implica anche un coinvolgimento di Stellantis che è proprietaria dei capannoni, e che in estate diventano insopportabili a causa delle alte temperature.

Altra buona notizia è che finalmente anche le altre Organizzazioni sindacali hanno dato disponibilità al rinnovo della Rsu aziendale e del RLS (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza) che hanno terminato il mandato da oltre un anno.





Altro nodo da sciogliere è quello sull’ avvio di contrattazione di secondo livello che verrà affrontato dalla metà di luglio, possibilmente con la nuova RSU eletta, data in cui si è deciso di aggiornare la seduta per fare il punto sui temi sollevati.

Pur essendo un cammino tortuoso auspichiamo che sia un nuovo inizio per i lavoratori che da anni vivono una situazione economicamente penalizzante.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    [mqf-realated-posts]

    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: