SISMA 2009: L’ANNUNCIO DI CONTE, IN LEGGE FINANZIARIA 2,7 MILIARDI PER COMPLETARE RICOSTRUZIONE

23 Ottobre 2020 14:17

L’AQUILA – Nei giorni difficili del dilagare della pandemia del coronavirus, arriva l’attesa e buona notizia: nella legge di bilancio sono previsti 2 miliardi e 750 milioni di euro per la ricostruzione del terremoto 2009 che si vanno a sommare al miliardo avanzato dello stanziamento da parte del governo Renzi che copriva il periodo 2015-2020. fondi che erano oramai agli sgoccioli.

Ad annunciarla il  presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella videoconferenza di questa mattina con il presidente della Regione Marco Marsilio, i sindaci e altre istituzioni, che ha sostituito l’incontro  che si doveva svolgere a Barisciano in provincia dell’Aquila ma che per motivi di sicurezza legati al contenimento del Covid  è stato annullato nella sua modalità “in presenza”.

Ad esultare in modo bipartisan la deputata abruzzese del Pd, Stefania Pezzopane, e il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

Il presidente della giunta regionale, Marco Marsilio anche lui in videoconferenza  ha però sottolineato come in Abruzzo  ci sia una duplice ricostruzione in corso: la prima, legata al terremoto aquilano, ancora da completare soprattutto per la parte pubblica che purtroppo sta registrando notevoli ritardi; la seconda, relativa al terremoto del Centro Italia (2016), sembrerebbe finalmente partita dopo che “in passato si è perso troppo tempo, anche per scelte legate a un modello di ricostruzione non adeguato”.

“Una notizia importantissima –  afferma la deputata dem – che non avevo dubbi sarebbe arrivata nei tempi giusti. Ci ho lavorato moltissimo e ringrazio il presidente Conte perché in questo difficile ultimo anno , sono state fatte cose eccezionali e molti passi importanti. Dal Decreto sisma in poi abbiamo acquisito moltissime cose straordinarie. Questa notizia, insieme alle stabilizzazioni, le tasse sospese che non verranno restituite , le semplificazioni ed altre iniziative dimostrano una qualità di lavoro ed una attenzione eccezionale ai nostri territori colpiti dalle calamità naturali”.

“Sono sempre stata fiduciosa – conclude Pezzopane – e ho sempre rassicurato tutti che la soluzione sarebbe arrivata nei tempi giusti. È così è stato!”

Biondi parla di vittoria “Una vittoria per il territorio”. Con queste parole il sindaco dell’Aquila, Pierluigi

“Riconosco l’importante impegno assunto dal capo del governo che si è mostrato sensibile alle sollecitazioni e alle istanze che a più riprese sono giunte dai territori. Le risorse, benché inferiori a quelle stimate da Usra e Usrc, rappresentano un significativo passo in avanti per le aree terremotate in un momento complesso per l’intera nazione. – spiega il sindaco – Nel corso della riunione, inoltre, il premier ha annunciato che il Cipe, nella prima riunione utile, approverà il bando da 6,5 milioni di euro per il riconoscimento di contributi a fondo perduto per le attività produttive colpite dalla crisi generata dal coronavirus. Un’iniziativa possibile grazie al recupero di economie derivanti da iniziative finanziate con il programma ReStart e con la delibera Cipe 135 del 2012 su cui attendevamo risposte dal Mise da agosto e che in questo momento di crisi profonda, acuita dalla pandemia, non potrà che fornire un rilevante sostegno a decine di imprenditori dell’Aquila e del cratere 2009”. “Ritengo sia una giornata che segna un punto importante della storia dell’Aquila che il premier ha promesso di venire a visitare presto”  conclude il primo cittadino.

Marsilio ha a sua volta evindenziato tra le problematiche fondamentali , se il problema relativo alla stabilizzazione del personale precario sembra essere risolto positivamente, dopo l’approvazione del “Decreto Agosto” restano il riconoscimento, per il triennio 2021-2023, del contributo straordinario a favore del comune dell’Aquila e dei comuni del cratere, essenziale per l’approvazione dei bilanci annuali degli enti e la semplificazione delle procedure di ricostruzione pubblica”.

“Occorre introdurre – ha detto Marsilio –  una più puntuale e sostenibile programmazione a sostegno degli interventi necessari per rilanciare il territorio aquilano e di tutto il cratere duramente ferito dal sisma, garantendo, anche attraverso l’utilizzo delle risorse del Recovery Fund, una maggiore disponibilità di risorse al Programma RESTART. Infatti, il Recovery Fund può e deve essere utilizzato non solo per sostenere la ricostruzione dei beni pubblici e privati, ma anche per finanziare progetti di rilancio socio-economico che vertono su settori centrali come ricerca, sviluppo industriale, sostegno alle imprese, ambiente, turismo e cultura. Su queste tematiche fondamentali  ci aspettiamo un positivo e urgente riscontro da parte del Governo al fine di poter offrire alle nostre comunità le risposte attese da tempo e dare senso compiuto alle parole del Presidente della Repubblica il quale, il 6 aprile scorso, in occasione dell’XI anniversario del terremoto aquilano, ha affermato che “La ricostruzione de L’Aquila resta una priorità e un impegno inderogabile per la Repubblica”.

“L’importante stanziamento annunciato dal presidente del Consiglio per la ricostruzione del cratere 2009 conferma che la questione della ripartenza dei territori colpiti dal sisma di undici anni fa è sempre stata considerata prioritaria dal governo, e dal Partito Democratico che lo sostiene e ne fa parte. Tutte le polemiche erano e sono pretestuose”, ha dichiarato il segretario del Pd Abruzzo Michele Fina, che ha aggiunto: “Non è in discussione il se, ma il come. C’è da capire, e in questo il Pd regionale farà la sua parte, come il Recovery Plan possa costituire un beneficio di innovazione per la rinascita di aree che oltre ai finanziamenti per la ricostruzione fisica, hanno bisogno di idee e progetti per il rilancio economico e sociale”.

Soddisfazione anche per il coordinamento di Fratelli d’Italia Abruzzo.

“Una battaglia condotta dai territori, dal presidente Marsilio, dall’assessore regionale Liris, dal sindaco dell’Aquila Biondi e dagli amministratori locali. Il rifinanziamento dei processi di ricostruzione dei comuni colpiti dal terremoto del 6 aprile 2009, annunciato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, garantirà la prosecuzione di processi che altrimenti sarebbero stati inevitabilmente interrotti”, ha scritto in una nota il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia Etel Sigismondi, che ha proseguito: “Esprimiamo soddisfazione per la promessa di 2 miliardi e 750 milioni con cui sarà possibile programmare interventi finalizzati alla rinascita materiale, nonché socio-economica, frutto di una grande battaglia condotta dai territori, dal presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, dall’assessore alle Aree interne e del cratere, Guido Quintino Liris, dal sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, e dai numerosi amministratori che in più occasioni hanno stimolato il governo a fornire risposte alle ripetute richieste di attenzione su un tema, quello della ricostruzione post sisma 2009, che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha definito una ‘priorità nazionale'”.




“Al contempo, però, non si può non rimarcare l’ipocrisia di chi, nel centrosinistra, oggi esulta mentre qualche mese fa rassicurava circa la sufficienza dei fondi in cassa, tali da non giustificare la richiesta di nuove risorse avanzata a più riprese dal presidente Marsilio, dal sindaco Biondi e da tanti suoi colleghi primi cittadini”.

“I fatti, confermati dall’annuncio del premier, hanno dato ragione a chi, invece, è costantemente in ascolto con i territori, ne conosce le esigenze e lavora quotidianamente per garantire un futuro alle famiglie e alle imprese di questa terra”, ha concluso Sigismondi.

“Velocizzare e semplificare sono state le parole d’ordine dell’incontro da poco terminato sul Sisma in Abruzzo. L’andamento della pandemia ha rimandato il viaggio in Abruzzo del presidente Conte in programma oggi, in osservanza delle più recenti misure anti-Covid, ma non per questo è venuto meno l’impegno del Governo nei confronti della nostra Regione”, ha detto il sottosegretario di Stato Gianluca Castaldi, a margine della riunione in streaming di questa mattina.

“Sindaci e rappresentanti dei territori – ha continuato Castaldi – hanno avuto modo di portare all’attenzione del presidente del Consiglio istanze, preoccupazioni e speranze. Ringrazio quanti hanno dato il loro contributo alla riunione di oggi e quanti continuano costantemente ad impegnarsi, nelle aule parlamentari e in tutte le sedi istituzionali, per garantire massima attenzione e interventi concreti.”

Il senatore vastese ha rimarcato la portata cospicua dell’impegno economico che il Governo Conte ha intrapreso per l’Abruzzo: “Nel corso della riunione, il presidente Conte ha annunciato lo stanziamento di 2 miliardi e 750 milioni di euro per la ricostruzione, finanziamento già inserito nella legge di bilancio approvata dal Consiglio dei ministri e che il Parlamento esaminerà nelle prossime settimane. Si tratta di una misura straordinariamente importante, che premia il lavoro svolto negli ultimi anni da diversi attori e testimonia la sensibilità e la vicinanza di questo Governo e di questa maggioranza alla nostra amata terra.”

Il sottosegretario per i Rapporti con il Parlamento ha sottolineao come l’obiettivo centrato sia frutto di uno sforzo collettivo: “In tanti si sono adoperati per questo risultato, in tanti hanno remato nella stessa direzione. In un periodo come quello che stiamo vivendo, la decisione annunciata oggi assume un significato se possibile ancor più rilevante: non è il tempo delle divisioni aprioristiche, non è il tempo dei colori politici sbandierati per mero tornaconto elettorale.
È il tempo della responsabilità.”

“In quest’ottica di lavoro comune per il bene della collettività, – ha detto ancora Castaldi – mi fa molto piacere che il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, nonostante sia di idee politiche distanti da quelle della nostra maggioranza, abbia riconosciuto con onestà intellettuale l’importanza dell’impegno che oggi il Governo si è assunto sulla ricostruzione in Abruzzo”.

“Esprimiamo grande soddisfazione per l’annuncio del presidente del Consiglio Conte che ha confermato lo stanziamento, nella legge di bilancio, di ulteriori 2 miliardi e 750 milioni di euro per la ricostruzione dei territori colpiti dal sisma 2009 – hanno inoltre affermato il segretario provinciale del Partito democratico Francesco Piacente e la segretaria comunale Emanuela Di Giovambattista -. L’Aquila ed il cratere sismico 2009 sono stati da sempre una priorità per il PD e lo sono per il governo che il PD sostiene. Noi non ne abbiamo mai dubitato. Un grande ringraziamento ai nostri parlamentari che hanno lavorato incessantemente per questo importante risultato”.

Sul tema è intervenuta anche la senatrice Gabriella Di Girolamo (M5s) in un post su Facebook.

“Quasi 3 miliardi di euro per la ricostruzione sono stati annunciati dal Presidente Giuseppe Conte stamattina nel corso di una riunione sul sisma in Abruzzo, tenutasi con i Sindaci e rappresentanti dei territori. Lo stanziamento, pari a 2 milioni e 750 mila euro, è stato già inserito nella legge di bilancio approvata dal Consiglio dei Ministri e nelle prossime settimane il provvedimento passerà al vaglio del Parlamento”, ha scritto.

“Voglio ringraziare il Governo, il sottosegretario Gianluca Castaldi e tutti gli amministratori locali che hanno permesso di raggiungere in modo unitario questo risultato importantissimo per l’Abruzzo. La ricostruzione post-sisma è un costante impegno mio e del Governo a maggioranza M5S ma deve essere condiviso con tutti i livelli istituzionali per mettere sempre al primo posto il bene dei cittadini e dei nostri territori”.

“Soprattutto in un momento difficile come quello che ci sta imponendo la pandemia, dobbiamo andare avanti uniti, seppur nel rispetto dei ruoli, delle competenze e delle differenti appartenenze politiche”, ha sottolineato.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore: