SPOSTAMENTI TRA COMUNI A NATALE: BONACCINI, “DEROGHE PER CASI ESTREMI”

9 Dicembre 2020 16:51

BOLOGNA – “Non dico di togliere” il divieto di mobilità tra Comuni a Natale, Santo Stefano o Capodanno. “Dico almeno di derogare per chi va dal papà o dal nonno, per non lasciarlo solo, casi estremi. L’abbiamo chiesto proprio in termini di buon senso”. Lo ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini su Raiuno, parlando del decreto sugli spostamenti natalizi.

Un decreto le cui norme Bonaccini ha detto di condividere “nella quasi totalità”. Dopo di che “c’è anche il buon senso – sostiene – E siccome sono tre giorni in cui posso a Roma, Milano, o Bologna fare decine di chilometri per andare a trovare un parente e non posso spostarmi di 500 metri” in caso di piccoli Comuni, “una contraddizione c’è”. Per il resto “io condivido le restrizioni, perché bisogna stare attenti che rischiamo la terza ondata – conclude il governatore -. Che può essere lieve ed è gestibile, ma se diventa pesante, anche solo per rispetto per coloro che da febbraio mettono a rischio le loro vite per salvare le nostre, ci vorrebbe intelligenza e cognizione”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA


    Ti potrebbe interessare: