TAGLIACOZZO: L’ULTIMO SALUTO AL GIUDICE STEFANO VENTURINI, IN CENTINAIA AL FUNERALE

19 Giugno 2024 19:04

L'Aquila - Cronaca

TAGLIACOZZO – Una folla commossa oggi a Tagliacozzo (L’Aquila) per l’ultimo saluto al giudice Stefano Venturini, 62 anni, morto a Roma dopo un incidente in moto.

In centinaia oggi ai funerali, nella chiesa della Santissima Annunziata, tra cittadini e rappresentanti delle istituzioni. Presenti, tra gli altri, Paolo Spaziani, consigliere della Corte di cassazione, assistente di studio presso la Corte costituzionale; Tommaso Picazio, presidente della I sezione penale della Corte d’Appello di Roma; Pierfrancesco Guarguaglini, già presidente di Finmeccanica e dirigente pubblico.





Il noto e stimato professionista è morto all’ospedale Sant’Andrea, dove era ricoverato in rianimazione dopo l’incidente dello scorso 14 giugno. Fatali, dopo un piccolo miglioramento, le gravi fratture riportate agli arti e un trauma alla testa.

Venturini lascia la moglia e un figlio.

Una morte che ha gettato nello sconforto la Marsica, come dimostrano i tanti attestati di stima arrivati in questi giorni.





Per il senatore Guido Liris: “La sua perdita lascia un vuoto incolmabile nel mondo della giustizia, nella società civile e nella comunità della Marsica, sua terra di origine a cui era profondamente legato”.

“Il giudice Venturini ha dedicato la sua carriera con passione e integrità al servizio della giustizia, distinguendosi per la sua competenza e il suo equilibrio. Nonostante operasse presso il tribunale di Roma, il suo cuore è sempre rimasto ad Avezzano, a Tagliacozzo, alla Marsica, dove era un punto di riferimento imprescindibile. Oltre ad essere un uomo di diritto, Stefano Venturini era anche un uomo di sport. Sciatore appassionato, il suo spirito sportivo rispecchiava il suo approccio alla vita e al lavoro: determinato, leale e coraggioso”.

“In questo momento di profondo dolore, desidero esprimere le mie più sentite condoglianze alla famiglia del giudice Venturini, in particolare a Teresa e Federico, ai suoi amici e a tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerlo e di collaborare con lui. La sua eredità morale e professionale continuerà a essere un esempio per tutti noi”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©


    Ti potrebbe interessare:

    ARTICOLI PIÙ VISTI: