TERAMO CALCIO, CAMPITELLI: ”LA SQUADRA HA REGALATO EMOZIONI”

17 Giugno 2013 20:05

TERAMO – ”La partita era già complicata dall’inizio. La forza dell’Aquila si è raddoppiata dopo il primo gol. Ha vinto la squadra più forte: complimenti all’Aquila”.

È il commento dell’allenatore dei biancorossi Roberto Cappellacci, dopo la sconfitta (2-1) subita al ”Fattori” nella finale di ritorno play off del girone B di Seconda Divisione che ha sancito la promozione dei rossoblù. L’Aquila aveva battuto (1-0) il Teramo anche nella gara di andata.

”Noi quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto – prosegue Cappellacci – anche davanti a una squadra così forte che ha dimostrato maggior bravura. Siamo partiti con il pensiero di salvarci. Essere arrivati ai play off è un merito che tutti devono riconoscerci”.

”Sulla carta non abbiamo la rosa che può vantare l’Aquila”, conclude Cappellacci.

Poi è la volta del presidente biancorosso Luciano Campitelli.






”A prescindere dal risultato, il Teramo mi ha dato enormi soddisfazioni – afferma il presidente – I ragazzi hanno cercato di dare il massimo. L’Aquila ha giocato la partita come doveva”.

”Auguro all’Aquila di fare il prossimo anno un grande campionato – prosegue Campitelli – Noi da domani ripartiamo per riprogrammarne uno nuovo per i nostri tifosi che sono stati meravigliosi. Per il ripescaggio ne riparleremo la prossima settimana”.

Campitelli racconta di aver ricevuto “un’ottima accoglienza dalla società dell’Aquila con cui abbiamo buonissimi rapporti. Quando si gioca fuori casa è meglio andare in curva con i tifosi perché alcune cose possono inevitabilmente succedere ed è meglio evitarle”, facendo riferimento ai disordini dell’andata con la dirigenza aquilana costretta ad allontanarsi dalla tribuna.

Il massimo esponente del ”Diavolo” conclude affermando che ”con mister Cappellacci ci incontreremo domani. Si deciderà quale sarà la soluzione migliore per continuare”. Stefano Castellani

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: