TERAMO: MOVETE, IL PROGETTO PER LA MOBILITA’ SOSTENIBILE ENTRA NEL VIVO

18 Maggio 2018 19:08

Teramo: Cronaca

TERAMO – Entra nel vivo MoveTe, il progetto a cura dell’azienda per il Diritto allo Studio universitario di Teramo, nato per promuovere la mobilità sostenibile, stimolando l’uso della bicicletta in alternativa all’auto per gli spostamenti casa/scuola e casa/lavoro in ambito urbano ed extraurbano.

Classificato 15esimo su 114 progetti sperimentali presentati al “Programma sperimentale nazionale sulla mobilità sostenibile” del ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, MoveTecoinvolge 10 comuni della Provincia di Teramo e si rivolge ad una popolazione complessiva di 182.811 abitanti.

Stamattina, presso la sede dell’Adsu-Azienda per il Diritto agli studi Universitari dei Teramo, si è svolta la Conferenza di Servizi preliminare per l’esame dello studio di fattibilità finalizzato all’installazione di “velostazioni” presso le aree di proprietà della Rfi-Rete Ferrovie Italiane nelle stazioni ferroviarie di Teramo, Pineto, Roseto Degli Abruzzi, Giulianova e Alba Adriatica, che si aggiungono a quelle ricadenti nelle aree di proprietà dei comuni di Martinsicuro, Atri, Mosciano Sant’Angelo, Bellante – Castellalto.

Nell’ambito delle cinque linee di intervento del programma MoveTe sono previste le “velostazioni”:strutture posizionate in luoghi di interscambioquali stazioni ferroviarie, terminal bus, parcheggi,che consentono di lasciare in sicurezza, in un luogo coperto e attrezzato, la propria bicicletta ed eventuali accessori, creando in tal modo una alternativa reale ed efficiente all'uso dell'automobile e favorendo la mobilità sostenibile di lavoratori pendolari e studenti.

Alla Conferenza di Servizi preliminare, indetta dall’Adsu di Teramo,hanno partecipato i Comuni interessati, la Tua  (Trasporto unico abruzzese),  la Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per l’Abruzzo e Rfi (Rete ferrovie italiane). 

Sono stati condivisi i siti individuati nei Comuni di Teramo, Pineto, Roseto Degli Abruzzi e Alba Adriatica, mentre per Giulianova l’individuazione del sito, al di fuori delle aree RFI, avverrà di concerto con l’Amministrazione comunale e potrebbe ricadere in Piazza Roma o in prossimità della zona portuale, in aree che si trovano già nella disponibilità del Comune.

Si è concordato infine che la progettazione delle velostazioni sarà oggetto di uno specifico incontro con Rfi per definire gli aspetti di dettaglio

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: