TERAMO: POSTE ITALIANE APRE LE PORTE AI FIGLI DEI DIPENDENTI

5 Dicembre 2019 17:43

TERAMO – Tappa abruzzese per “Posteaperte 2019”, l’iniziativa di Poste Italiane pensata per far conoscere ai figli dei dipendenti il luogo di lavoro dei genitori, favorendo un momento di incontro tra famiglia e azienda.

L’evento si è svolto oggi pomeriggio nella Filiale di via Carlo Forti a Teramo, selezionata insieme ad altre 12 sedi su tutto il territorio nazionale per ospitare in contemporanea lo storico appuntamento che da oltre dieci anni coinvolge un numero sempre maggiore di bambini e famiglie.

Per i 34 bambini, di età compresa tra i 3 e i 10 anni, sono stati organizzati momenti di gioco e intrattenimento con l’obiettivo di avvicinare e sensibilizzare i più piccoli a temi di particolare rilevanza sociale. Quest’anno l’Azienda ha deciso di parlare di sostenibilità ambientale, attraverso l’allestimento di un piccolo laboratorio dell’ortolano per avvicinare i bambini al mondo della natura, permettendo loro di “sporcarsi le mani” e familiarizzare con gli strumenti dell’orto. Sono stati anche realizzati degli angoli di lavoro per il riciclo creativo in cui verrà spiegato come diminuire gli sprechi, valorizzando le risorse che la natura ci offre.





Durante la giornata ai piccoli ospiti è stata offerta una gustosa merenda, mentre i più grandi sono stati coinvolti in una visita guidata di alcune strutture aziendali. Alla fine dei lavori tutti hanno ricevuto in dono un gadget tematico: una matita piantabile, realizzata in legno di betulla, contenente sull’estremità dei semi non OGM, quando diventa troppo piccola per essere utilizzata si pianta e con le giuste cure arriveranno i primi germogli.

L’iniziativa ha coinvolto circa 1.500 bambini su tutto il territorio ed è coerente con i principi ESG sull’ambiente, il sociale e il governo di impresa, rispettati dalle aziende socialmente responsabili, che contribuiscono allo sviluppo sostenibile del Paese.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!