TERREMOTO IN ADRIATICO, PAURA LUNGO LA COSTA: SCOSSA 4.2 AL LARGO DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

SISMA AVVERTITO IN BUONA PARTE DELL'ABRUZZO, NON SI REGISTRANO DANNI; INGV: "IN ZONA EVENTI FREQUENTI"

9 Giugno 2022 13:36

Italia - Terremoto e Ricostruzione

L’AQUILA – Una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 è stata registrata dall’Ingv alle 13.22 nella costa marchigiana, al confine con quella abruzzese: l’epicentro è stato localizzato al largo di San Benedetto del Tronto e Grottammare.

Altre scosse sismiche di assestamento sono state registrate dall’Ingv dopo quella delle 13:18 di magnitudo 4.2, con lo stesso epicentro nel mare Adriatico di fronte alla costa della provincia di Ascoli Piceno.  Una alla 13:22 di magnitudo 2.4 e una alle 13:39 di magnitudo 3.0. Il movimento sismico è stato avvertito in particolare lungo la costa.

La scossa da 4.2 di magnitudo è stata avvertita in buona parte dell’Abruzzo.

Paura e persone in fuga spaventate dal breve ma violento scuotimento sismico,  precipitandosi in strada abbandonando temporaneamente case e uffici. Questo in particolare nei comuni della Val Vibrata, e della costa teramana, segnatamente a Martinsicuro, Alba Adriaca e Tortoreto.

Il sisma è stato distintamente avvertito anche a Pescara e nell’Abruzzo interno, compresa L’Aquila, e numerose sono le segnalazioni apparse sui social. Anche alcuni cittadini di Giulianova hanno raccontano di aver avvertito parecchio la scossa. E un inquilino del settimo piano di un palazzo in Piazza Unione a Pescara racconta: “Mi ha ballato la sedia per un po’, diciamo che non si è mossa, ma è stata lunghetta. Sono abituato ad altre scosse nel Teramano, mentre sento che a Alba Adriatica e Tortoreto l’hanno avvertita più nettamente”.

Il Dipartimento della Protezione Civile al termine delle verifiche effettuate con le sale operative delle due regioni e con le autorità locali, ha comunicato che nessun danno a edifici o persone dopo la scossa. Sull’Abruzzo in queste ore sono in corso piogge consistenti e le località balneari sono deserte.

La sismicità nell’area del Mar Adriatico, di fronte alla costa marchigiana, colpita dalle scosse di oggi, è frequente: in particolare qualche chilometro a nord della localizzazione degli ultimi eventi di maggio e giugno 2022 si ricorda una importante sequenza sismica nel 1987 con diversi terremoti anche di magnitudo superiore a 4.0, fino a magnitudo 4.9.

Lo rende noto l’Ingv, che spiega come l’area in passato è stata interessata da alcuni eventi sismici: tra questi il terremoto del 16 agosto 1882 avvenuto al largo di San Benedetto del Tronto (AP) con una magnitudo stimata pari a Mw 5.2. La pericolosità sismica di questa area è considerata media.

Terremoti anche più forti di quello avvenuto, avverte l’Istituto, oggi sono possibili per quanto la probabilità che si verifichino, ovvero la frequenza, non è particolarmente alta. Peraltro nelle vicinanze dell’area interessata dal terremoto delle 13.18 erano stati localizzati il 30 maggio altri 5 eventi di magnitudo compresa tra ML 1.7 e 3.3.

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
  1. blank
    TERREMOTO: ALTRE DUE SCOSSE IN MARE TRA MARCHE E ABRUZZO
    ANCONA - Altre scosse sismiche di assestamento sono state registrate dall'Ingv dopo quella delle 13:18 di magnitudo 4.2, con lo stesso epicentro nel m...
  2. blank
    TERREMOTO COSTA MARCHIGIANA, INGV: “FREQUENTE SISMICITA'”
    ANCONA - La sismicità nell'area del Mar Adriatico, di fronte alla costa marchigiana, colpita dalle scosse di oggi, è frequente: in particolare qualc...
  3. blank
    TERREMOTO MARCHE: SOSPESO TRAFFICO FERROVIARIO PESCARA-ANCONA FINO ALLE 17.30
    ANCONA - Il traffico ferroviario sulla linea Pescara-Ancona è stato sospeso in via precauzionale per verifiche tecniche a seguito del terremoto che s...
Articolo

Ti potrebbe interessare: