TOTOGIUNTA: A CHIETI UN POSTO ANCHE A M5S, AD AVEZZANO SI TRATTA CON BABBO E DEL BOCCIO

8 Ottobre 2020 12:21

L’AQUILA  – Terminati i festeggiamenti per la vittoria ai ballottaggi di domenica e lunedì scorso a Chieti e Avezzano, i due nuovi sindaci, il medico Diego Ferrara e già sindaco dal 2012 al 2017  Giovanni Di Pangrazio sono al lavoro per comporre le rispettive giunte.

Punto fermo a Chieti è che sarà vicesindaco  Paolo De Cesare, candidato civico che al secondo turno si è formalmente apparentato con Ferrara, risultando determinante per la clamorosa rimonta nei confronti del candidato del centrodestra di Fabrizio Di Stefano della Lega.

Mentre lo scranno della presidenza del consiglio andrà salvo clamorose sorprese a Luigi Febo, della lista del sindaco Chieti per Chieti,  che ha eletto tre consiglieri.

Altri nomi che resistono nei toto-giunta che impazzano in queste ore sono quelli di Teresa Giammarino anche lei di Chieti per Chieti, e per il Partito democratico, che ha eletto 5 consiglieri, di Stefano Rispoli e Chiara Zappalorto.

La vera sorpresa è che l’intenzione di Ferrara è di assegnare un assessorato anche al Movimento 5 stelle, nel quadro del rafforzamento dell’alleanza di governo anche negli enti locali.




M5s a Chieti ha presentato Luca Amicone, che ha preso  6,7%. In consiglio è entrato, grazie alla vittoria di Ferrara il solo candidato sindaco, appoggiato secondo turno, pur senza apparentamenti, dai pentastellati.

Il nome che circola è quello del medico Giancarlo Cascini.

Ad Avezzano si è ancora nella fase prettamente interlocutoria, per decidere i sette assessori in particolare per far posto a quelli indicati eventualmente dai due candidati civici che hanno sostenuto Di Pangrazio al secondo turno, consolidando e rendendo ancor più rotonda la vittoria sul leghista Tiziano Genovesi: Mario Babbo, appoggiato anche dal Pd, forte del suo 21,2% al primo turno, e Antonio Del Boccio, ex esponente Fdi, che ha preso il 6,2%. Entrambi  ambiscono ora ad uno spazio nell’esecutivo. Ma è ancora presto per fare nomi.

Per i posti da attribuire ai candidati nelle otto liste di Di Pangrazio, resistono invece i nomi di Fabrizio Ridolfi e Maria Antonietta Dominici di Azione Civica per Avezzano (tre consiglieri eletti), dell’ex presidente del consiglio Domenico Di Berardino di Avezzano al centro (2 consiglieri), di Alfredo Chiantini, di Avezzano città territorio (2 consiglieri) di Roberto Verdecchia, ex assessore all’Ambiente di Di Pangrazio di Riformisti per Az (2 consiglieri). Ma in realtà altri candidarti e liste ambiscono ad uno scranno assessorile, e a quello della presidenza del Consiglio. E non sarà una passeggiata trovare la quadra e accontentare tutti.

Su eventuali assessori esterni circola il nome del noto avvocato Antonio Milo e dell’imprenditore Roberto D’Ippolito.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©




Ti potrebbe interessare:

Gli articoli più letti in queste ore: