TRASPORTI: IN ABRUZZO BUS COME “CARRI BESTIAME”, MARIANI, “STUDENTI AMMASSATI A RISCHIO CONTAGIO”

29 Settembre 2020 20:51

L’AQUILA – “Mentre il centrodestra abruzzese è impegnato tra litigi interni e perenne campagna elettorale in tutta la regione continua il caos nei trasporti: studenti e pendolari, in barba ai vari protocolli anti-contagio, sono costretti a viaggiare ammassati su mezzi pubblici stracolmi che ricordano più ‘carri bestiame’ che bus degni di un Paese civile”.

E’ la denuncia “dei disservizi nei trasporti pubblici regionali” contenuta in una nota dal capogruppo in consiglio regionale di “Abruzzo in Comune”, Sandro Mariani, consigliere di opposizione.

“Siamo ormai a ottobre e, malgrado le promesse estive sbandierate dal presidente Marco Marsilio e dal sottosegretario Umberto D’Annuntiis, il problema c’è, acuito ancora di più dal taglio scellerato di alcune corse che sta creando grandi difficoltà soprattutto nelle aree interne e montane della nostra regione – prosegue l’esponente di centrosinistra – Stiamo assistendo a situazioni assurde con gli studenti che, in diverse situazioni, arrivano a scuola non prima delle 9.30/10, quando ormai le lezioni sono cominciate da un pezzo, oppure all’uscita non hanno la corsa per fare ritorno a casa, semplicemente perché si è deciso di eliminarla senza dare nessuna alternativa ai ragazzi se non quella di attendere ore. Situazione analoga vissuta dai pendolari costretti ad orari improbabili per recarsi sul luogo di lavoro o a continui cambi di mezzi che allungano il viaggio oltre l’umana sopportazione”.

“È facile affrontare i problemi scaricando i disagi sull’utenza, una cosa nella quale la Giunta Marsilio è bravissima! In queste settimane, dinanzi al perdurare delle difficoltà scoppiate già con il rientro dei lavoratori dalle ferie estive, abbiamo sentito solo scuse, rimpalli di responsabilità tra Regione, Tua e aziende private che gestiscono il servizio, attacchi strumentali verso il Governo centrale o verso chi ha ‘osato’ sollevare dubbi: la situazione è sotto gli occhi di tutti e non può essere semplicemente ignorata voltandosi dall’altra parte come sta facendo il centrodestra abruzzese” conclude Mariani che invita Marsilio “a fare un giro insieme la mattina sui mezzi pubblici abruzzesi per toccare con mano le problematiche”.





In una nota, oggi, la Tua ha tenuto a precisare che “nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti, ha predisposto i vari servizi in uno scenario del tutto nuovo come quello ai tempi del Covid-19”.

L’Azienda Unica, si legge in una nota, “sulla base dei numeri delle presenze dell’utenza a bordo dei mezzi, garantisce corse bis e, per ulteriori necessità, ha anche previsto dei subaffidamenti con vettori privati che, al momento, non è stato necessario attivare. Nel caso specifico, per la direttrice verso Tornimparte delle ore 13.15, che comprende anche le località del comune di Scoppito (Collettara e Sella di Corno) nella giornata di ieri è stato effettuato un bis che, invece oggi, è stato dirottato verso Tornimparte”.

“Tua, infatti, ha adottato questa variazione proprio sulla base di indicazioni oggettive; è stato rilevato che la clientela di studenti di Tornimparte, sebbene abbiano bus dedicati alle uscite della scuola alle ore 12, 13 e 14, tendono ad utilizzare i bus delle ore 13.15. Tale situazione si determina soprattutto per gli studenti che escono alle ore 12 e che vanno ad intasare i bus riservati agli studenti che escono, invece, alle 13. Alla luce di ciò, Tua sta valutando aggiustamenti di orario alle ore 12 per cercare di alleggerire i carichi degli orari successivi”.

“Infine Tua, sempre a partire dalla giornata odierna in provincia dell’Aquila, ha dedicato tre squadre di verificatori che, tra le varie attività, hanno anche invitato i ragazzi a non accalcarsi al momento della salita sui bus”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare:


Gli articoli più letti in queste ore:

Do NOT follow this link or you will be banned from the site!