TUTELA DEI TRABOCCHI, DA FOSSACESIA PARTE IL PERCORSO PER STRALCIO BOLKESTEIN

9 Aprile 2022 15:19

Chieti - AbruzzoWeb Turismo, Gallerie Fotografiche, Politica

FOSSACESIA – Un primo passo per arrivare a proporre lo stralcio dei trabocchi dalla direttiva Bolkestein è stato compiuto a Fossacesia (Chieti), dove si sono ritrovati parlamentari (alcuni in collegamento da remoto), assessori e consiglieri regionali, sindaci ed assessori delle località costiere Ortona, San Vito, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro, Vasto e una rappresentanza di traboccanti.

Nel dibattito che si è sviluppato nel corso della riunione, si è deciso di dar vita a un comitato composto da parlamentari, assessori e consiglieri regionali, l’Associazione Nazionale dei Sindaci Italiani d’Abruzzo, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio d’Abruzzo e le associazioni dei traboccanti, che dovranno lavorare per fare in modo che i trabocchi vengano inquadrati come bene d’interesse culturale italiano.

Nessuno dei partecipanti alla riunione, coordinata da Walter D’Amario, presidente del neonato Comitato Difendiamo i Trabocchi, e svoltasi al Parco dei Priori di Fossacesia, ignora che il percorso non sarà semplice, ma nonostante le difficoltà che mostra la normativa, sarà necessario unire tutti le forze politiche abruzzesi, fare squadra, per salvaguardare i trabocchi, “monumenti storici del patrimonio culturale della nostra regione – come li ha definiti il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, avviando il dibattito – Proprio per questa fondamentale ragione, non possono essere paragonati alle altre concessioni demaniali ma tutelati tanto in Abruzzo che in altri luoghi della costa italiana dove sono presenti”.

Un punto di partenza sul quale si è sviluppata la riunione indetta dal Comitato Difendiamo i Trabocchi, alla quale hanno aderito Andrea Colletti, membro della Commissione Giustizia della Camera; l’assessore regionale al Demanio Marittimo, Nicola Campitelli; i consiglieri regionali Fabrizio Montepara, Francesco Taglieri, Pietro Smargiassi; il professor Diego De Carolis, docente di Diritto urbanistico della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Teramo; Davide Caporale, delegato della Provincia di Chieti in rappresentanza del presidente Francesco Menna; il presidente dell’Associazione di Promozione Aps “I Trabocchi”, Valerio Nardone. In collegamento web, Luciano D’Alfonso, Ppesidente della VI Commissione permanente (Finanze e Tesoro) del Senato; Antonio Zennaro, membro della VI Commissione (Finanze) della Camera.

“Che sia necessario fare sintesi fra tutte le forze politiche abruzzesi, a qualunque livello, trova conferma in quello che rappresenta il primo vero ostacolo da superare gge in una nota – si le nella X Commissione del Senato, davanti alla quale si sta esaminando il disegno di legge sulla concorrenza che contiene, tra le altre cose, la gestione di spiagge e porti, su cui ruota la direttiva europea Bolkestein del 2006 in tema di liberalizzazione delle concessioni balneari e recepita dall’Italia, non sono presenti parlamentari abruzzesi. Da qui nasce il ruolo fondamentale che dovranno assumere i parlamentari della nostra regione, ai quali va affidato il compito di far comprendere ai colleghi impegnati nell’esame del disegno di legge sulla concorrenza, la storia, il valore, le peculiarità, l’importanza economica che rivestono i trabocchi per l’Abruzzo, regione tra l’altro in cui queste antiche strutture sono più presenti che in altri luoghi d’Italia. Alla X Commissione del Senato è già arrivato un emendamento, primo firmatario l’on. Andrea Colletti per togliere dall’insieme della normativa europea i trabocchi”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: