UNIVERSITA’ L’AQUILA: “PRONTI A RIPARTIRE IN PRESENZA E AD OSPITARE STUDENTI IN SICUREZZA”

14 Luglio 2021 15:41

L'Aquila: Scuola e Università

L’AQUILA – “Consapevole dei vari scenari possibili, l’Università dell’Aquila ribadisce la sua determinazione a restituire agli studenti quel contesto di studio e di ricerca, ma anche di frequentazione e socializzazione, indispensabile per un percorso di studio di qualità e di successo, che il nostro Ateneo da sempre offre ai propri iscritti”.

È quanto emerge dal confronto tra il Rettore e i Direttori dei Dipartimenti, accolto con favore anche dal Senato Accademico, in vista dell’avvio del prossimo anno accademico 2021/22.

“Le aule dell’Ateneo – si legge in una nota – sono in grado di ospitare gli studenti in assoluta sicurezza e d’altra parte i laboratori e le strutture di supporto alla didattica sono pienamente adeguati per affrontare le eventuali criticità di carattere sanitario che dovessero presentarsi. Si aggiunga che i sistemi informatici di monitoraggio e tracciamento sono ormai testati e hanno rivelato la loro efficacia. Inoltre sono state già sperimentate con successo e potranno essere di nuovo applicate se necessario, soluzioni avanzate di didattica, quali le tribù digitali e i gruppi di lavoro”.

“Laddove dovesse essere richiesta una gestione maggiormente controllata degli accessi, l’Università dell’Aquila si avvarrà poi di tutti gli ulteriori strumenti che lo Stato, il MUR, la Regione e il SSN dovessero ritenere necessari e mettere a disposizione, quali ad esempio i certificati di avvenuta vaccinazione ovvero gli esiti di tamponi antigenici rapidi”.

“La formazione universitaria sia di studio che di ricerca, è legata a filo doppio alla vita culturale e sociale di studenti e docenti, ed è inoltre arricchita dalle numerose interazioni con le aziende che UnivAQ mette in campo da sempre. UnivAQ è fortemente determinata ad offrire ai propri studenti la possibilità di vivere appieno la complessità e l’articolazione della formazione Universitaria”, conclude la nota.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: