VACCINI: VOLONTARI ABIO L’AQUILA CONSEGNANO DIPLOMA A BIMBI IMMUNIZZATI

28 Dicembre 2021 14:03

L'Aquila: Abruzzo

L’AQUILA – L’Associazione per il Bambino in Ospedale di L’Aquila ha prestato servizio gratuito la scorsa settimana all’hub vaccinale di San Vittorino, nella giornata dedicata alle vaccinazioni dei bambini nella fascia di età 5-11 anni.

I volontari hanno consegnato a ogni bambino un diploma di coraggio personalizzato e un gioco intrattenendo i più piccoli e i loro accompagnatori.  Nel primo giorno sono stati consegnati oltre 70 diplomi.

I volontari di Abio L’Aquila sono presenti nell’ospedale San Salvatore dal 2004 e da allora hanno distribuito sorrisi e momenti di gioco ai bambini e sostegno alle loro famiglie. Da febbraio 2020 siamo forzatamente lontani dall’Ospedale, ma la nostra attività è andata avanti con numerose attività a distanza e ambiziosi progetti per continuare a supportare le famiglie e a portare un sorriso ai piccoli ricoverati.

I volontari raccontano che “i primi bambini che entravano nella stanza dedicata ai più piccoli lo facevano con sospetto, ma dopo la consegna del diploma di coraggio personalizzato, per la prova affrontata e superata a pieni voti, i timori iniziali lasciavano il posto ai sorrisi. Il clima è diventato subito disteso e la sala d’attesa post vaccinazione ha preso le sembianze di una sala giochi. Alcuni bambini esclamavano: «Voglio tornare anche domani”, altri mostravano con orgoglio i loro diplomi ai genitori pronti ad immortalarli in una foto ricordo.

“Noi tutti siamo emozionati e soddisfatti per il servizio prestato – raccontano i volontari di Abio L’Aquila – accendere un sorriso e spegnere la paura è stato il dono più bello che potessimo ricevere”.

Abio L’Aquila, che continuerà a essere presente nei giorni dedicati alla vaccinazione dei bambini dai 5 agli 11 anni, ringrazia la dottoressa Mariachiara Pasanisi, il personale dell’hub vaccinale di San Vittorino e i volontari della Protezione Civile per la disponibilità e la collaborazione.

 

 

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: