VACCINO COVID, IRBM: “ALL’ITALIA ENTRO GIUGNO 70 MILIONI DI DOSI PRENOTATE”

24 Novembre 2020 12:47

ROMA – “Il vaccino Oxford-Irbm-AstraZeneca c’è. A gennaio è ragionevole pensare che arriveranno le prime dosi che sono state già prodotte, poi man mano arriveranno le 70 milioni di dosi prenotate dall’Italia. In Italia entro giugno 2021 arriveranno tutte le dosi prenotate”.

Così Piero Di Lorenzo, presidente e amministratore delegato dell’Irbm di Pomezia, su Radio Capital. AstraZeneca, ha confermato Di Lorenzo, “è pronta a commercializzare 3 miliardi di dosi entro il 2021, 200 milioni di dosi al mese”.




La multinazionale e l’Università di Oxford, ha inoltre spiegato, “hanno deciso che vista la situazione, il costo industriale sarà quello del vaccino, cioè 2 euro e 80. Neanche un centesimo di sovrapprezzo per la proprietà intellettuale. Non c’è una gara tra multinazionali per il vaccino: c’è bisogno che tante aziende arrivino a validare il vaccino. C’è spazio per tutti”.

Quanto alla posizione espressa dal virologo Andrea Crisanti, “gli scienziati – rileva – hanno ragione a pretendere trasparenza e chiedere i dati sperimentali, ma non ho dubbi: AstraZeneca pubblicherà i dati prima della commercializzazione. Crisanti fa bene a chiedere chiarezza, ma da parte nostra non mancherà”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©




Ti potrebbe interessare:

Gli articoli più letti in queste ore: