VERSO IL VOTO: “LUCIANO LE SA FA”, CAMPAGNA SOCIAL E BALNEARE DI D’ALFONSO, CON ‘NDUCCIO TESTIMONIAL

27 Agosto 2022 12:14

Pescara - Cronaca, Politiche 2022

PESCARA – Da una parte il politico dal sofisticato e ricercato eloquio, che tiene come nulla al mondo ad accreditarsi come doroteo e algido rappresentante delle istituzioni, virtuoso dei commi e codicilli, che studia le carte con sapienza procedimentale, e produce atti e non proclami. Dall’altra, spiazzante, una campagna elettorale avviata nel segno dell’ironia, della leggerezza e dei codici linguistici giovanili, giocata sui social, con una serie di video con persone comuni sotto l’ombrellone, e con testimonial d’eccezione il comico e cantautore pescarese ‘Nduccio, al secolo Germano D’Aurelio, suo personale amico. Con il claim, eloquente, “Luciane le sa fa”.

Ci riferiamo ovviamente a Luciano D’Alfonso, una vita per la politica, presidente della Provincia di Pescara a soli 29 anni, poi due volte sindaco di Pescara, consigliere regionale e governatore, oggi senatore uscente e presidente della Commissione Tesoro e Finanze, candidato al proporzionale della Camera dei deputati con il Partito democratico, il 25 settembre, di fatto certo dell’elezione.

Tre i video sparati su youtube: nel primo due attrici sotto l’ombrellone, scocciate e perplesse per una campagna elettorale in piena estate, si chiedono chi mai potranno votare, e concludono che alla fine dei conti la scelta giusta è quella, ovviamente, di Luciano D’Alfonso, perché “c’è bisogno di uno capace e preparato”, che “conosce i problemi e sa risolverli” che “ha fatto tanto per l’Abruzzo”. Ovvero, “Luciane le sa fa”.

Nel secondo video, ‘Nduccio sempre in una location balneare, ribadisce il concetto: “in qualsiasi posto lo metti, Luciano lo sa fare”.

Nel terzo spot, l’annuncio della conferenza stampa di oggi all’ex Cofa, da parte di ‘Nduccio, che rivela, “stiamo preparando la camera a Roma, quando lo facciamo, lo sappiamo fare”. (f.t.)

I TRE SPOT

 

 

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: