VERSO IL VOTO: SOTTANELLI, “CON CALENDA E RENZI TERZO POLO DIVENTA FINALMENTE REALTÀ”

11 Agosto 2022 13:30

Regione - Politiche 2022

ROSETO – “Con due leader capaci e con una storia alle spalle, come Carlo Calenda e Matteo Renzi, affiancati da una classe dirigente competente e strutturata, il Terzo polo può finalmente diventare realtà, e potrà avere un grande futuro. A destra, che non ha più un centro, ci sono già 200 miliardi di promesse irrealizzabili, a sinistra ci si appiattisce su posizioni massimaliste. A questo Paese serve invece una terza via. Non ci sono più fascisti e comunisti, c’è la capacità o meno di governare bene il Paese”.

Così nell’intervista streaming Giulio Cesare Sottanelli, coordinatore regionale di Azione, la formazione politica di Carlo Calenda, nelle ore in cui a Roma si è sancito l’accordo con Italia viva.

Ex deputato  di Scelta civica di Mario Monti, dal 2014 al 2018, ex presidente e fondatore della Banca del Gran Sasso, Sottanelli ha già annunciato la candidatura alle elezioni politiche del 25 settembre. E’ stato nella sua Roseto uno dei principali artefici della vittoria alle ultime comunali del civico Mario Nugnes.

Sottanelli non si dice preoccupato dagli attuali sondaggi, che vede Azione e Iv insieme tra il 4% e il 5% visto che il Terzo polo sarà “l’unica vera novità di queste elezioni”, ed è appena sceso in campo, con una intera campagna elettorale da disputare.

“Dal 2013 ricordo che abbiamo assistito prima exploit del Movimento 5 stelle poi del Pd alle Europee poi nel 2018 della Lega. La partita del 25 settembre è ancora aperta, e il Terzo polo potrà fare la differenza. I sondaggi danno ora in vantaggio la destra, è vero, ma saremo noi la vera sorpresa, c’è un ampio spazio politico in cui muoversi. Noi di Azione, poi qui in Abruzzo siamo un partito vero, strutturato, radicato capillarmente nel territorio, abbiamo una assemblea regionale di 120 dirigenti, con tante competenze ed energie da mettere in campo. Chi non avrà spazio in queste elezioni politiche, tenuto conto della legge elettorale e che dovremo dividere i posti in lista con Italia viva, sarà protagonista per le prossime elezioni regionali”

Punti fermi del terzo Polo aggiunge Sottanelli, sono “l’ancoraggio alla Nato e all’Europa, una revisione del reddito di cittadinanza, misure efficaci contro l’inflazione, per tutelare il potere d’acquisto degli italiani, e garantire a tutti di vivere dignitosamente, e poi una nuova politica energetica, vista la necessità di renderci indipendenti dalle forniture di gas dalla Russia. Occorrono in altri termini rigassificatori e anche, garantendo la sicurezza e la minimizzazione dell’impatto ambientale, tornare ad estrarre gas nei nostri mari, compreso l’Adriatico dove, voglio ricordare, le trivelle dei Paesi balcanici non lontano dalle nostre coste continuano a indisturbati ad estrarre, anche il nostro gas”.

LA DIRETTA

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©

    Ti potrebbe interessare: