VOTO PENNE: BRIONI, INFRASTRUTTURE E OSPEDALE, LE PRIORITA’ DEL CANDIDATO PETRUCCI

7 Settembre 2021 15:31

Pescara: ELEZIONI 2021

PENNE –  “Sarà una campagna elettorale intensa. Il nostro programma si basa sulla concretezza,  ed ora la priorità assoluta è la vertenza Brioni, la salvaguardia dei posti di lavoro. Sono stato e resterò al fianco dei lavoratori che presidiano l’azienda, fondamentale per tutto il territorio. Purtroppo il covid ha mutato gli scenari, e molte imprese con i piedi in Abruzzo, e la testa all’estero tendono a delocalizzare, a conquistare nuovi mercati. Occorrerebbe un urgente intervento governativo per contrastare questo trend, volto a ridurre la pressione fiscale che in Italia grava sul costo del lavoro”.

Così nell’intervista streaming di Abruzzoweb, Gilberto Petrucci, 41 anni, attuale assessore comunale al Bilancio, candidato sindaco di Penne (Pescara), nonché giornalista dello staff Relazioni esterne e comunicazione della giunta regionale d’Abruzzo.

A rendere incandescente il clima a Penne, città di quasi 12mila abitanti è la vertenza della camiceria Brioni che intenderebbe procedere alla chiusura delle linee di “maglieria” e “camiceria” senza ricollocare i dipendenti in altri reparti dell’azienda, disattendendo quindi l’accordo sottoscritto il 14 aprile scorso nella sede di Confindustria Chieti-Pescara. A rischio, calcolano i sindacati, 320 posti di lavoro nell’area vestina, tra impresa madre e indotto.

Il nuovo sindaco raccoglierà l’eredità dell’attuale primo cittadino, Mario Semproni, il quale, alla guida di una coalizione di centrodestra, ha scelto di non ricandidarsi per il secondo mandato. La scelta di Petrucci, forzista, rappresenta la continuità amministrativa, sotto le insegne della lista Penne viva.

Competitor di Petrucci saranno Angela Pizzi, vicina al senatore Luciano D’Alfonso del Partito democratico, preside dell’istituto tecnico “Marconi”, e Gabriele Frisa  con la sua “Penne ribelle”.

Petrucci ricorda nell’intervista il risultato che si sta ottenendo per salvaguardare lo ospedale di Penne.

“L’ospedale assieme alla Brioni è il principale produttore di reddito e occupazione, Precedentemente l’amministrazione regionale di Luciano D’Alfonso, voleva degradarlo a  era a presidio di area disagiata. A seguito di un’azione congiunta e sinergica ora nel nuovo piano sanitario regionale, sarà un ospedale di base, con sede di pronto soccorso. Attendiamo solo l’ok da Roma, dal tavolo di monitoraggio. Ma non abbasseremo la guardia, questo presidio è fondamentale per tutta la nostra area interna”.

Altro aspetto fondamentale è quello di una nuova infrastruttura viaria che colleghi meglio Penne alla costa adriatica.

“La vecchia ipotesi della Mare-Monti passando per la Val Tavo, la ritengo superata, stiamo piuttosto lavorando ad un collegamento adeguato tra Penne, Elice e Città Sant’Angelo, e dunque con l’autostrada, attraverso la Val Fino, molto migliore in termini di costi e benefici. C’è una interlocuzione con l’Anas”.

Per quanto riguarda il suo ruolo di giornalista istituzionale impegnato in politica conclude Petrucci: “in consiglio e in giunta regionale ho acquisito importanti competenze in termini di conoscenza della macchina amministrativa, dal punto di vista tecnico e normativo e credo sia un valore aggiunto anche la mia  professione di comunicatore istituzionale. Il mio programma tiene conto non solo della realtà, ma delle cose realizzabili”.

 L’INTERVISTA

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: