VERSO IL TAGLIO DI 11 AUTONOMIE SCOLASTICHE IN ABRUZZO: LA CISL, “ORA SI ESPRIMANO GLI ENTI”

2 Novembre 2023 13:17

Regione - Scuola e Università




PESCARA – “La Regione Abruzzo, accogliendo la proposta formulata dall’Ufficio Scolastico Regionale,  nel corso della riunione del 31/10/2023 del Tavolo tecnico i regionale per il dimensionamento della rete scolastica 2024/25, ha comunicato l’ipotesi di suddivisione tra le province della riduzione delle 11 autonomie: 4 tagli in provincia di Chieti, 3 in provincia di L’Aquila, 2 in provincia di Pescara e 2 in provincia di Teramo”. Lo segnala la Cisl scuola in un comunicato.





“Tocca adesso ai comuni ed alle province esprimersi entro il 20 novembre sulle ipotesi già avanzate nella riunione, non tutte definite, e per questo la Cisl  Scuola Abruzzo Molise”, prosegue la nota, “ha richiesto la convocazione urgente dei tavoli provinciali di concertazione. La sostanziale modifica ai criteri introdotta  dalla Regione Abruzzo solo il 17 ottobre rende anche necessaria la ripetizione delle riunioni già svolte, oltre che quelle rinviate in  vista  della modifica o proprio non ancora svolte. Il taglio delle istituzioni scolastiche a livello nazionale corrisponde, a regime e quindi fra diversi anni, appena ad un caffè all’anno per ogni italiano, in Abruzzo nemmeno a quello. Ci chiediamo se era davvero necessario alla stabilità economica dello stato italiano prevedere nella finanziaria 2023 l’ennesimo taglio per la scuola e soprattutto ancora un intervento nella rete scolastica che non ha il valore appena di un caffè all’anno”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
Download in PDF©






    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale

    Pubblicità Elettorale





    Commenti da Facebook

    RIPRODUZIONE RISERVATA
    Download in PDF©


      Ti potrebbe interessare:

      ARTICOLI PIÙ VISTI:


      Abruzzo Web