A L’AQUILA LAVORI FIBRA IN PIENA NOTTE, PROTESTANO RESIDENTI CIVICO 29 FONTESECCO: “INACCETTABILE”

29 Giugno 2022 16:44

L'Aquila - Cronaca

L’AQUILA – Un rumore assordante e il palazzo che trema, qualcuno si sveglia di soprassalto in una calda notte di giugno e, dopo qualche lungo secondo di smarrimento si affaccia dalla finestra e scorge un escavatore intento a perforare l’asfalto come se fosse pieno giorno.

È accaduto la scorsa notte all’Aquila, in via Fontesecco, proprio davanti al palazzo Ater al civico 29, i cui condomini sembrano non trovare pace, considerando anche il recente sgombero per la demolizione del ponte Belvedere, che pure dovrebbe essere ricostruito, e questa volta la “sorpresa” ha riguardato i lavori per la fibra ultraveloce avviati proprio ieri e autorizzati, secondo quanto riferito dagli operai, dalle 21 fino alle 6 del mattino seguente.

“Siamo abituati a non avere pace di giorno con i rumori che a stento consentono di parlarsi, ma addirittura non poter dormire neanche la notte è inaccettabile. Non c’è più nessun tipo di rispetto per le persone”, ha lamentato una residente scesa in strada all’una di notte per protestare contro i rumori molesti.

“Ci siamo spaventati, ha tremato tutto il palazzo”, ha spiegato un anziano preoccupato sull’uscio del portone.

L’avviso in realtà è stato affisso in prossimità dell’incrocio in corrispondenza dell’ex ponte ma molti, dati i continui e incessanti cantieri e il caos parcheggi, non ci hanno fatto caso e, del resto, secondo quanto riferito dagli stessi operai, in serata ci sarebbero stati dei controlli da parte delle forze dell’ordine che avrebbero chiesto loro di mostrare le autorizzazioni.

Che sono state concesse per un lavoro da eseguire in piena notte, “e dopo un’altra intera giornata di martellamenti costanti e rumori sinceramente non più tollerabili per tutte queste ore al giorno – viene fatto presente – Ci sono cantieri praticamente fermi da anni che producono solo fracasso e sembrano non finire mai, se almeno vedessimo qualche miglioramento saremmo anche felici di poter assistere al processo di ricostruzione. Ma da anni subiamo solo disagi e adesso anche in piena notte”.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: