CORONAVIRUS: LA ASL DELL’AQUILA MENO COLPITA DAI CONTAGI

26 Marzo 2020 19:51

L'AQUILA – La Asl provinciale dell'Aquila si segnala, con 4 casi sui 133 nuovi casi in Abruzzo, la meno colpita dai contagi coronavirus nella giornata di oggi.

Dal numero complessivo di 61 nella giornata di ieri si è passato ai 65 oggi contro i 29 nella Asl Lancano-Vasto-Chieti, 33 Asl Pescara e 67 in quella di Teramo.

Di questi 65, 34 sono ricoverati non in terapia intensiva (2 ricoverati in altra Asl), 10 in terapia intensiva e 16 in isolamento domiciliare (di cui 1 in altra Asl).

Dall'inizio dell'emergenza, sono complessivamente 2 i guariti e 3 i deceduti (uno proveniente da altra Asl).

Anche nel computo generale dei positivi che in Abruzzo sono 946, la provincia dell’Aquila ha nettamente la quota più bassa: 65 a fronte dei 175 dell’azienda sanitaria Lanciano-Vasto-Chieti, 262 di quella di Teramo e 445 dell’azienda sanitaria di Pescara.

I dati, aggiornati alle 14,30, sono stati forniti dall'ufficio stampa del comune dell'Aquila con una nota congiunta del sindaco, Pierluigi Biondi, che è anche presidente del comitato ristretto dei sindaci della Asl, e dal direttore generale della Asl, Roberto Testa.






Dei positivi Covid-19 finora registrati 15 sono dell'Aquilano (5 ricoverati non in terapia intensiva, di cui uno in altra Asl, nessuno in terapia intensiva, 9 in isolamento domiciliare e 1 guarito), 30 della Marsica (23 ricoverati non in terapia intensiva, di cui 1 in altra Asl, 1 in terapia intensiva, 4 in isolamento domiciliare, 1 guarito e 1 deceduto), 1 dell'area Peligna (in isolamento domiciliare), 7 dell'area Sangrina (4 ricoverati non in terapia intensiva, 1 ricoverato in terapia intensiva, 1 in isolamento domiciliare e 1 deceduto) e 12 di altra Asl (3 ricoverati non in terapia intensiva, 8 in terapia intensiva, e 1 deceduto).

In sorveglianza attiva ci sono complessivamente 546 persone, di cui 269 dell'Aquilano, 246 della Marsica e 31 dell'area Peligno-Sangrina.

In sorveglianza passiva ci sono complessivamente 227 persone, di cui 29 dell'Aquilano, 135 della Marsica e 63 dell'area Peligno-Sangrina.

La sorveglianza attiva in quarantena fiduciaria è disposta dalla Asl per chi ha avuto un contatto stretto con un caso confermato.

Le autorità sanitarie controllano in modo periodico lo stato di salute dell'individuo con telefonate quotidiane.

La sorveglianza passiva è una forma di quarantena decisa autonomamente da chi ritiene di aver avuto contatti a rischio.

Commenti da Facebook

RIPRODUZIONE RISERVATA

Download in PDF©






Ti potrebbe interessare anche:

Gli articoli più letti in queste ore: