VOLTA LA CARTA: DI SALVATORE, “L’AQUILA CITTA’ VIVIBILE, ENTROTERRA PUO’ GENERARE RICCHEZZA”

29 Maggio 2021 11:58

: Abruzzo

L’AQUILA – “L’entroterra può generare ricchezza. Dobbiamo favorire la cultura, la nascita e la crescita delle nuove generazioni per far sì che comprendano le loro origini perché potrebbero vivere bene all’Aquila, restare a studiare e lavorare sul territorio. Un posto che favorisce ricchezza, sviluppo e innovazione e dove c’è una qualità della vita elevatissima”.

Lo ha detto l’avvocato Stefano Di Salvatore, presidente dell’associazione dei Quarti aquilani, partecipando alla presentazione, al festival della letteratura “Volta la carta” del libro della scrittrice e giornalista aquilana, Monica Pelliccione, “Personaggi aquilani” (edizioni Arkhé). Di Salvatore è il curatore della postfazione del volume.

“Si dice che i nostri figli, probabilmente, faranno un lavoro che noi oggi non conosciamo, – ha detto Di Salvatore -, “e perché non pensare che L’Aquila, tra qualche anno, non possa diventare ancora di più fulcro di lavoro e professioni che oggi ci pensano impensabili? Potremmo avere qui delle scuole di alta eccellenza, come che dettano le loro lezioni dall’Aquila, in un ambiente completamente diverso. Il Gssi ne è una testimonianza. Quante persone sono state attirate nella nostra città, quanta gente sceglie di vivere qui? La qualità della vita è elevatissima, ad un’ora di auto c’è un aeroporto internazionale. L’Aquila è una città vivibile, percorribile, certo non come vorremmo nella fruibilità di tutti i servizi, una città che si può percorrere a piedi, dentro le mura. Incastonata in un paesaggio bellissimo. Sono potenzialità da valorizzare. Se la politica riuscisse ad essere più attenta ai bisogni veri dei residenti, potremmo attrarre ancora altre forze attive e giovani talenti”.

Durante la presentazione del libro, a cui ha preso parte l’autrice, è stata ripercorsa la storia della città attraverso venti volti e venti storie, in un lasso temporale ampio, che attraversa i secoli e intreccia vicissitudini e cicliche rinascite. Dagli albori con il senatore romano Gaio Sallustio Crispo, alle cronache del primo storico aquilano, Buccio da Ranallo, dalle testimonianze di Anton Ludovico Antinori, alle gesta del condottiero Braccio da Montone, passando per l’umile frate eremita eletto Papa, Celestino V, e il predicatore francescano San Bernardino. Volti femminili scolpiti nel tempo: Sant’Agnese, giovane martire, la sovrana Margherita d’Austria e la manager Marisa Bellisario. Fino a Panfilo Gentile, voce critica del Novecento e a Nino Carloni, l’avvocato della musica. Per arrivare all’archistar Beverly Pepper e a Renzo Piano, autori di due imponenti opere architettoniche che caratterizzano la rinascita post- sisma. Ciascuno dal profilo e dal carisma intensi, nelle diverse epoche che hanno scandito l’evoluzione e le continue metamorfosi del territorio. Personaggi aquilani è arricchito dalla prefazione del giornalista, vaticanista, Mario Narducci, dagli scatti d’autore di Daniela Dattrino e dalla post-fazione di Stefano Di Salvatore, presidente dell’Associazione Quarti aquilani.

Commenti da Facebook
RIPRODUZIONE RISERVATA
    Articolo

    Ti potrebbe interessare: