INCHIESTA ''MASTER LIST'', IL GIUDICE CITA IL VICE MINISTRO AI TRASPORTI

IL PRANZO CON NENCINI E LA PORCHETTA
PER IL SINDACO PAGATI DALL'IMPRENDITORE

Pubblicazione: 09 ottobre 2017 alle ore 07:00

Il tribunale di Avezzano
di

AVEZZANO - L'imprenditore di Penne (Pescara) Sergio Giancaterino, durante una conversazione del 14 dicembre 2015 intercettata dagli investigatori dell'inchiesta sugli appalti pilotati della procura di Avezzano (L'Aquila), "agendo su input del Ruggeri (Antonio, suo sodale, ndr), accetta di accollarsi anche le spese di un pranzo offerto dal sindaco D'Angelo in occasione di un convegno sulla legge sugli appalti al quale doveva partecipare anche il vice ministro dei lavori pubblici Nencini, soggetto politico che viene spesso citato nel corso delle intercettazioni quale futuro punto di riferimento politico dei due".

Lo scrive il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Avezzano (L'Aquila), Francesca Proietti, che puntualizza come "nulla di rilevante, ovviamente, emerge anche come mero sospetto a carico dell'alta carica istituzionale". Citato nelle carte ma senza alcun coinvolgimento come già il presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, e gli ex sindaci dellL'Aquila e Avezzano, Massimo Cialente e Giovanni Di Pangrazio.

Giancaterino e il faccendiere di Avezzano Ruggeri sono i personaggi chiave dell'inchiesta "master list" che ha scoperchiato un sistema per manovrare appalti pubblici in diversi enti dell'Abruzzo, finiti agli arresti domiciliari insieme al sindaco di Casacanditella (Chieti) Giuseppe D'Angelo, all’amministratore delegato del Consorzio acquedottistico marsicano (Cam), Giuseppe Venturini, all'ex vice sindaco con delega ai Lavori pubblici di Canistro (L'Aquila), oggi consigliere di maggioranza, Paolo Di Pietro, all’imprenditore di Montorio al Vomano (Teramo), Emiliano Pompa e ad Antonio Ranieri dell’Aquila, responsabile unico del procedimento al Comune di Campotosto (L'Aquila).

Per il magistrato, la "costante spendita di nomi di politici e funzionari pubblici è una grave e pericolosa costante del modo di agire della coppia Ruggeri-Giancaterino".

Tra le conversazioni intercettate dagli investigatori ce n'è un'altra, che vede protagonisti Giancaterino e il nipote Marco Giansante, non coinvolto nell'inchiesta.

Ecco cosa dice l'imprenditore: "Io gli ho dato...parecchie volte al sindaco...gli ho dato 10.000 euro... al sindaco quello là... Giuseppe mi aveva promesso un po' di lavori che non mi ha dato... però quello mi sembra serio a me (...) il sindaco si è preso questi soldi per fare le feste... le cose... però mi ha detto non ti preoccupare io un lavoro te li ding (te lo do)... dopo lui... Antonio ha fatto dare due lavori (...) tramite Giuseppe, il sindaco e li ha fatti dare a Fara San Martino e lo ha fatto dare a coso...a Casacanditella... capito... glieli ha fatti dare lui... Antonio... glieli ha fatti dare... poi naturalmente, dice, guarda il sindaco mo tiene problemi quello... quell'altro... deve fare la porchetta non tiene i soldi...ha fatto la festa...eh, l'ho aiutato io".

"Di particolare rilievo in ragione dell'elevato importo", scrive poi il gip, "è la gara per l'affidamento dei lavori di riassetto territoriale dell'area a rischio idrogeologico della località Colle Grande del Comune di San Martino sulla Marrucina dell'importo di base di euro 1.400.000 per la quale è emerso l'accordo concluso dal Giancaterino con i fratelli Florideo e Silvano Primavera, a loro volta titolari di due distinte imprese".

Questi ultimi sono tra i dodici indagati dell'inchiesta insieme a Luciano GiammarinoDomenico Primante e Vincenzo Zangrilli, oltre ai 7 ai domiciliari, e secondo i magistrati "dalle conversazioni è emersa la genesi di un vero e proprio patto di non belligeranza fra il Giancaterino ed i suddetti imprenditori del luogo".

Per scongiurare lo scontro è stato raggiunto "un pacifico accordo optando" con "la spartizione dei lavori in tre", ed il tutto "sotto la supervisione del sindaco D'Angelo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI:

APPALTI PILOTATI E MAZZETTE IN ABRUZZO, 7 ARRESTI TRA POLITICI E IMPRENDITORI

L'AQUILA - Un sistema per manovrare appalti pubblici con circa 15 aziende specializzate che venivano fatte partecipare a gare già compromesse grazie ad accordi corruttivi con amministratori locali e pubblici funzionari e che, con offerte al... (continua)

APPALTI PILOTATI: ''MASTER LIST'' PARTITA DA INCHIESTA CON NOMI ECCELLENTI

AVEZZANO - L'operazione "Master list", che stamattina ha portato all'esecuzione di 7 ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari, nasce da precedenti filoni di inchiesta nella Marsica, sempre su presunti appalti e gare truccati e mazzette, che... (continua)

APPALTI PILOTATI: UN ANNO DI INTERCETTAZIONI IN INCHIESTA ''MASTER LIST''

AVEZZANO - Gli investigatori, attraverso una vasta attività di intercettazioni telefoniche e ambientali durate un anno, hanno individuato quello che nel corso di una conferenza stampa in Procura, ad Avezzano, hanno definito "un cartello d'imprese" facente... (continua)

APPALTI PILOTATI: L'INTERCETTAZIONE, ''15 DITTE E 10 SONO LE NOSTRE''

L’AQUILA - “Facciamo come l’altra volta... 15 ditte, e 10 sono le nostre”. È in questa intercettazione telefonica del 2015 tra il vice sindaco di Canistro (L’Aquila), Paolo Di Pietro, che parla nella sua auto, e... (continua)

APPALTI PILOTATI: IL GIUDICE, ''CORRUZIONE DILAGANTE IN TUTTE LE PROVINCE''

L’AQUILA - “Un sistema corruttivo endemico, originato dalla presenza in molteplici enti pubblici nel territorio regionale di amministratori o funzionari inclini a fare mercimonio dei pubblici affidamenti con metodi delinquenziali e consuetudinari, a spregio delle più... (continua)

APPALTI PILOTATI: QUANDO VENTURINI DICEVA ''IL MIO CAM SARA' UNA SOCIETA' MODELLO''

di Filippo Tronca
AVEZZANO - "Puntiamo a diventare una società modello". Questo assicurava a gennaio scorso, in un'intervista ad AbruzzoWeb, Giuseppe Venturini, l’amministratore delegato del Consorzio acquedottistico marsicano (Cam), presentandosi come un manager inflessibile pronto a sottoporre la società che... (continua)

IL NUOVO MISTER 5% CHE INTASCAVA MAZZETTE PER AFFIDARE L'APPALTO ALLA DITTA AMICA

di Marco Signori
L'AQUILA - Come Calouste Sarkis Gulbenkian, imprenditore armeno al quale, per la sua abitudine di pretendere il 5 per cento delle quote delle compagnie petrolifere che contribuiva a sviluppare, all'inizio del Novecento fu attribuito il soprannome di... (continua)

APPALTI PILOTATI: CI SONO NOMI ECCELLENTI, CITATI D'ALFONSO, CIALENTE E DI PANGRAZIO

di Marco Signori
L'AQUILA - Spuntano nomi eccellenti, sebbene non indagati, tra le carte dell'inchiesta "master list" della procura di Avezzano, che ha scoperchiato un sistema per manovrare appalti pubblici: il presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, e gli ex... (continua)

APPALTI: GIP, ''D'ALFONSO NON C'ENTRA'' PER GLI INDAGATI OGNI GARA VA TRUCCATA

di Alberto Orsini
L’AQUILA - Sono “irrilevanti al fine penale”, ma “significativi”, per il giudice, a descrivere il modo di ragionare degli imprenditori che truccavano gli appalti pubblici, i passaggi legati al presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, citato da... (continua)

APPALTI: INCHIESTA ''MASTER LIST'', AD AVEZZANO AL VIA GLI INTERROGATORI

AVEZZANO - Al via oggi al tribunale di Avezzano (L'Aquila) i primi interrogatori di garanzia per gli indagati nell'inchiesta "master list" su presunti appalti truccati in Abruzzo. Per primo, davanti al giudice per le indagini preliminari Francesca... (continua)

APPALTI PILOTATI: VENTURINI CHIEDE LA SCARCERAZIONE AL GIP, ''SONO INNOCENTE''

di Alberto Orsini
AVEZZANO - L'avvocato Antonio Milo, che assiste Giuseppe Venturini, amministratore delegato del Consorzio acquedottistico marsicano (Cam) dimissionario, ha chiesto al giudice per le indagini preliminari Francesca Proietti la scarcerazione del suo assistito oggi al termine dell'interrogatorio... (continua)

ALTRE NOTIZIE

 CONTATTA LA REDAZIONE 2003- 2017 Enfasi srl
INFORMAZIONI COMMERCIALI .
Enfasi srl - Quotidiano digitale registrato presso il Tribunale dell'Aquila con decreto n°501 del 2 settembre 2003
Iscrizione al ROC n. 26362 - P.IVA 01812420667
Direttore responsabile Berardo Santilli

La redazione può essere contattata al


Politica d'uso dei Cookies su AbruzzoWeb

Alcune foto potrebbero essere prese dal Web e ritenute di dominio pubblico; i proprietari contrari alla pubblicazione potranno segnalarcelo contattando la redazione.
Powered by Digital Communication  -  Developed by MA-NO
 
X

Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.
Per avere più informazioni o modificare le impostazioni sui cookie clicca qui